La musica per calmare i gatti e liberarli dallo stress

Gli scienziati americani hanno scoperto che, per ridurre lo stress dei gatti durante un esame veterinario, la musica appositamente registrata ...

La musica per calmare i gatti e liberarli dallo stress.

Gli scienziati americani hanno scoperto che, per ridurre lo stress dei gatti durante un esame veterinario, la musica appositamente registrata per loro può essere utilizzata con il suono dei rumori che i gatti producono durante l’alimentazione.

Uno degli effetti importanti della musica è un cambiamento nello stato psicologico della persona che la ascolta. Questo è il motivo per cui molte melodie vengono spesso utilizzate, ad esempio, in psicoterapia. Una meta-analisi eseguita un paio di anni fa ha persino dimostrato che la musica può ridurre l’ansia e il dolore nei pazienti chirurgici dopo l’intervento chirurgico.

È interessante notare che l’effetto calmante della musica viene testato con successo non solo negli esseri umani, ma anche negli animali: la musica classica, ad esempio, riduce lo stress nei cani che vivono nei rifugi e nei gatti quando visitano le cliniche veterinarie.

Si presume che non sia la musica umana a essere più efficace nel ridurre lo stress negli animali, ma le melodie create appositamente per altre specie, tenendo conto, ad esempio, della gamma di frequenza del suono che percepiscono e caratteristiche di comunicazione naturali.

Nel 2015 David Teie dell’Università del Maryland ha registrato diverse composizioni in cui ha usato suoni e melodie per gatti nel campo della sua vocalizzazione (da 55 a 200 hertz): con una piccola ricerca, ha dimostrato che i gatti preferiscono davvero quella musica in invece di quello degli umani.

Ora Amanda Hampton della Louisiana State University e i suoi colleghi hanno usato una delle composizioni di Teie per testare come cambiano i livelli di stress del gatto in risposta alla musica felina e umana.

Gli indicatori di stress e reazione all’uomo nei gatti non differivano prima dell’inizio del test, ma durante l’esame, entrambi gli indicatori erano più bassi nei gatti che ascoltavano la musica per gatti, rispetto a quelli che includevano la musica classica o non includevano nulla. La musica non ha influenzato gli indicatori di stress fisiologico. È interessante notare che nei gatti che hanno ascoltato musica per gatti, lo stress è stato significativamente ridotto anche dopo l’esame, quando la musica era spenta.

Pertanto, i ricercatori hanno confermato che i gatti sono davvero più disposti a rispondere alla musica appositamente creata per loro: apparentemente, i suoni del rumore prodotto dai gattini durante l’alimentazione che sono stati utilizzati nella registrazione hanno un effetto calmante sui felini.

Per quanto riguarda i parametri fisiologici, gli scienziati sottolineano che la percentuale di neutrofili rispetto ai linfociti in risposta allo stress aumenta nettamente in risposta a una situazione stressante e ritorna alla normalità solo dopo poche ore.

Molto probabilmente il gatto è stato trasportato in una clinica veterinaria per stress fisiologico e il suo livello non è sceso in 20 minuti di ispezione musicale. Ecco perché gli scienziati insistono sul fatto che questi indicatori vengano misurati di nuovo in un altro studio, forse dopo un certo tempo.

I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Feline Medicine and Surgery.