Mindfulness, la meditazione può cambiare il DNA e migliorare la Salute

Uno studio pubblicato da Translational Psychiatry ha dimostrato quanto possa essere utile la meditazione per la salute umana, scoprendo che ...

La meditazione può cambiare il DNA e migliorare la Salute.

Uno studio pubblicato da Translational Psychiatry ha dimostrato quanto possa essere utile la meditazione per la salute umana, scoprendo che il fenotipo molecolare delle persone che meditano è significativamente diverso da quello delle persone che non meditano regolarmente o che sono malate.

Gli esseri umani hanno praticato la meditazione per circa 5 mila anni, dimostrando l’impatto positivo che può avere sul corpo e sulla mente. La scienza ha ora accettato che la meditazione può avere effetti potenti sulla salute umana, poiché sempre più ricerche ne espongono i benefici. La scienza sta quindi recuperando le conoscenze descritte nei Veda, nei Yoga Sutra di Patanjali e in altri testi antichi.

Come la meditazione può migliorare la tua salute cellulare

Secondo quanto pubblicato da Translational Psychiatry sulla rivista Nature, un gruppo di ricercatori ha condotto uno studio tra i partecipanti in un ritiro di 5 giorni offerto dal Centro Chopra. I ricercatori hanno invitato le donne tra i 30 e i 60 anni che non avevano esperienza di meditazione a partecipare allo studio e poi le hanno divise in due gruppi.

Quelli che avrebbero partecipato al ritiro (“meditatori principianti”) e quelli che sarebbero semplicemente rimasti al resort ( “vacanzieri”). I ricercatori hanno confrontato i loro risultati tra loro e anche con un terzo gruppo di donne già arruolate in pensione che avevano la stessa fascia d’età e meditavano regolarmente (“meditatori regolari”).

La meditazione è il mezzo per arrivare ad un benessere completo, dentro e fuori.

La salute dei partecipanti è stata esaminata prima e dopo i cinque giorni di permanenza nel complesso e poi le valutazioni di mantenimento sono state completate un mese e 10 mesi dopo. Sono state utilizzate misure psicologiche standard per determinare i sintomi della depressione dei partecipanti e i livelli percepiti di stress, attenzione e vitalità. E’ stato fatto anche un esame del sangue ai partecipanti nei giorni uno e cinque dello studio.

Sebbene tutti e tre i gruppi abbiano sperimentato miglioramenti significativi nella loro salute mentale, i meditatori alle prime armi hanno mostrato miglioramenti molto maggiori nella depressione rispetto ai vacanzieri, in particolare sull’indicatore di 10 mesi. Da questi risultati è chiaro che gli effetti delle vacanze a breve termine migliorano il benessere. Tuttavia, è chiaro che ci sono benefici a lungo termine anche nell’apprendimento della meditazione.

Durante lo studio, si è potuto documentare la riduzione dell’espressione del gene FOXO3 correlata allo stress.

Quindi è stato scoperto che lo stress non è solo uno stato psicologico ma ha un impatto diretto sulla genetica dell’essere umano.

Meditare fa bene, in tutti i sensi.

I ricercatori sono anche riusciti a identificare ciò che chiamavano “effetto di meditazione“, il che ha rivelato che i meditatori regolari hanno una rete distinta di geni con funzioni cellulari che possono essere associate all’anti-invecchiamento.

Sebbene le vacanze spesso giovano all’espressione delle reti geniche in termini di benessere, l’effetto “vacanza” non può essere mantenuto per tutta la vita perché non si può andare in vacanza tutto il tempo. Al contrario, l’ “effetto di meditazione” può effettivamente essere mantenuto se pratichi regolarmente la meditazione, così puoi goderne continuamente i benefici.

Altri studi che dimostrano che la meditazione può migliorare mente e corpo

Uno studio dell’Università di Harvard ha stabilito che la meditazione ricostruisce la materia grigia nel cervello in sole otto settimane. Questa incredibile scoperta è stata fatta prendendo la risonanza magnetica (MRI) del cervello di 16 partecipanti, due settimane prima dello studio e dopo che era stata completata.

Un altro studio di Harvard ha scoperto che la meditazione può mitigare i sintomi della sindrome della ciotola irritabile (SRI) e migliorare la salute intestinale. Lo studio ha dimostrato che inducendo la “risposta al rilassamento”, che è essenzialmente il termine scientifico per la meditazione, i partecipanti hanno mostrato una riduzione dei sintomi dello SRI, una diminuzione dell’ansia e una migliore qualità della vita in generale.