Incredibile Antartide: NASA avvisa della formazione di un enorme Iceberg

La NASA ha riferito che l’Antartide perderà presto un enorme iceberg, la cui area totale è più di mille chilometri del [...]

Incredibile Antartide: NASA avvisa della formazione di un enorme Iceberg.

La NASA ha riferito che l’Antartide perderà presto un enorme iceberg, la cui area totale è più di mille chilometri del doppio della città di New York. Questi sono gli effetti del cambiamento climatico sulla Terra prodotto dall’uomo.

L’agenzia spaziale USA ha detto venerdì che il blocco di ghiaccio si staccherà da un crack che è apparso nell’ottobre 2016 e non ha smesso di diventare più lungo e più profondo.

Sebbene gli scienziati non hanno specificato il momento in cui accadrà, hanno avvertito che questa rottura potrebbe influire sul resto della piattaforma continentale e, quindi, su tutte le infrastrutture scientifiche ivi disposte.

Nel suo annuncio, la NASA ha paragonato una fotografia di quell’area, prodotta dal satellite Landsat, datata gennaio 1986 e un’altra del gennaio 2019. Questa doppia fotografia mostra una fessura che attraversa da ovest a est tutta la parte che prevedibilmente si staccherà e di cui la forma è quella di un promontorio costiero.

Quando questa fessura incontra un’altra che attraversa il punto da sud a nord, il territorio sarà convertito in un enorme iceberg la cui direzione è imprevedibile, così come l’effetto che provocherà sul resto della superficie di quell’area dell’Antartide.

La seconda fessura esisteva già ed è rimasta stabile per 35 anni, ha detto la NASA. La sua crescita però ha subito un’accelerazione e si è estesa a nord ad una velocità di oltre 4 chilometri l’anno.

Potrebbe essere il più grande iceberg che si è rotto sulla piattaforma del ghiaccio di Brunt da quando le osservazioni sono iniziate nel 1915, ha detto l’agenzia spaziale sul suo sito web.

Leggi  L'umanità non è in grado di rispondere al Riscaldamento Globale

Le crescenti fessure che fratturano la superficie dell’Antartide hanno generato problemi di sicurezza per le persone che lavorano sulla piattaforma, in particolare i ricercatori della Halley Station del British Antarctic Survey.

Questa base, che è una delle basi principali per lo studio della Terra, dell’atmosfera e delle scienze spaziali. Generalmente funziona tutto l’anno, ma negli ultimi anni è stata chiusa due volte per imprevedibili cambiamenti nel ghiaccio.