Bitcoin inquina più della produzione di carne bovina

E non solo, utilizza più elettricità all’anno rispetto all’Austria o al Portogallo. I danni climatici ammontano a $ per ogni bitcoin estratto nel 2021. L’impatto ambientale del mining [...] ..

impatto ambientale mining bitcoin

  • E non solo, utilizza più elettricità all’anno rispetto all’Austria o al Portogallo. I danni climatici ammontano a $ 11.314 per ogni bitcoin estratto nel 2021.

L’impatto ambientale del mining di bitcoin è equivalente o addirittura maggiore di quello causato dalle attività più inquinanti del pianeta, come la produzione di carne bovina o l’estrazione di petrolio, secondo un nuovo studio pubblicato giovedì sulla rivista Scientific Reports di Nature.

L’impatto climatico associato all’estrazione di questa criptovaluta ha rappresentato una media del 35% del suo valore di mercato tra il 2016 e il 2021, con un picco dell’82% nel 2020.

In confronto, la produzione di carne bovina ha avuto un costo ambientale del 33% del suo valore di mercato durante lo stesso periodo, mentre quella dell’estrazione dell’oro si attestava al 4%. L’impatto è tuttavia inferiore a quello della produzione di benzina (41%) e di elettricità generata con gas naturale (46%).

Secondo la ricerca, nel 2020 il mining di bitcoin ha utilizzato 75,4 terawattora (TWh) di elettricità, il che rappresenta un consumo annuo di elettricità superiore a quello di paesi come l’Austria (69,9 TWh) o il Portogallo (48,4 TWh).

Allo stesso modo, gli esperti hanno scoperto che le emissioni di anidride carbonica derivanti dall’estrazione di questa valuta digitale si sono moltiplicate per 126 tra il 2016 e il 2021, passando da 0,9 tonnellate di emissioni per valuta nel 2016 a 113 tonnellate nel 2021. Secondo i calcoli, questo danno climatico equivale a $ 11.314 per ogni bitcoin estratto nel 2021, con un danno generato causato da tutti i bitcoin estratti negli ultimi cinque anni pari a circa $ 12 miliardi.