Greta Thunberg: politici ipocriti per inerzia davanti la Crisi Climatica

L'attivista ambientale svedese: "Finché questo problema non sarà affrontato come una vera crisi, le conferenze per affrontarlo saranno solo parole vuote"...

L’attivista ambientale svedese Greta Thunberg ha definito i politici “ipocriti” per la loro inerzia di fronte alla crisi climatica in un’intervista al The Guardian pubblicata lunedì.

“Possiamo trattare una crisi come una crisi, come abbiamo visto a causa del coronavirus“, ha detto Thunberg. “Trattare la crisi climatica come una crisi, potrebbe cambiare tutto dall’oggi al domani”, ha aggiunto il diciassettenne.

In questo senso, ha sottolineato che il mondo deve capire che siamo di fronte a una grave emergenza e dobbiamo “ammettere il fatto che abbiamo fallito, l’umanità ha fallito collettivamente, perché una crisi non compresa non può essere risolta”.

È tempo di agire

Thunberg ha criticato gli eurodeputati che a ottobre hanno approvato un pacchetto di quasi 400 miliardi di euro di sussidi per gli agricoltori, la maggior parte dei quali “hanno condizioni verdi deboli o inesistenti”, definendo l’iniziativa un “disastro per il clima e la biodiversità“, poiché l’agricoltura è responsabile di un quarto delle emissioni di gas serra.

“Quando si tratta di qualcosa che si attua in 10 anni sono più che felici di votare a favore, perché questo non li riguarda davvero”, ha detto. “Ma quando è qualcosa che ha davvero un effetto, qui e ora, non vogliono toccarlo, mostra davvero ipocrisia“, ha detto in relazione al modo in cui agisce l’Unione europea.

L’attivista ambientale ha indicato che anche lei non è soddisfatta delle promesse di paesi come il Regno Unito, la Cina o il Giappone di raggiungere zero emissioni entro il 2050 o il 2060.

Se non riduciamo le nostre emissioni ora, quegli obiettivi lontani non significheranno nulla, perché i nostri budget di carbonio saranno ormai lontani”.

“Fine della strada”

Ha inoltre assicurato di non essere delusa dal fatto che la pandemia abbia costretto il rinvio del vertice ONU sul clima che avrebbe avuto inizio lunedì a Glasgow (Scozia). “Finché non trattiamo la crisi climatica come una crisi, possiamo tenere tutte le conferenze che vogliamo, ma saranno solo negoziati, parole vuote, lacune”.

D’altra parte, la giovanissima, che diventerà maggiorenne il 3 gennaio, ha detto che attualmente non c’è nessun politico per il quale voterebbe alle elezioni. “Vorrei che ci fosse un politico o un partito abbastanza forte su questi temi, immagina quanto sarebbe facile se tu potessi sostenere un politico”.

La crisi climatica è solo un sintomo di una crisi molto più grande, [che causa] la perdita di biodiversità e la perdita di suolo fertile, ma include anche disuguaglianze e minacce alla democrazia”, ​​ha aggiunto Hunberg. “Questi sono sintomi che non stiamo vivendo in modo sostenibile: siamo arrivati ​​alla fine della strada“, ha concluso l’attivista.