Perché la Fisica dice che in realtà non tocchiamo nulla?

Molti si fidano completamente del loro senso del tatto, ma la fisica quantistica assicura che non tocchiamo effettivamente nulla con la nostra pelle...

La scienza è riuscita a comprendere molti aspetti precedentemente impensabili dell’elaborazione sensoriale negli esseri umani, che, a sua volta, ha portato a grandi progressi nella medicina, nello sviluppo dell’intelligenza artificiale e nella robotica. Questi progressi ci hanno anche portato ad abbattere molti miti e credenze sbagliate che ci siamo portati dietro dal passato. Abbiamo il miglior esempio nel senso del tatto, poiché la fisica quantistica afferma che non è così reale come pensavamo, e uno sguardo alla struttura degli atomi può aiutare a spiegarlo.

Un po’ di fisica quantistica per spiegare le basi del tatto

Siamo di fronte a un argomento che sfida completamente l’idea che avevamo del tatto, uno dei sensi di cui ci fidiamo di più, soprattutto in assenza di altri come la vista e l’udito. Comprenderlo non è un compito facile, ma può essere semplificato se andiamo per parti. Quindi iniziamo con un po’ di fisica e chimica di base.

Tutto ciò che è intorno a noi, e che possiamo toccare e sentire, è costituito da atomi. L’atomo è l’unità più piccola in cui la materia può essere divisa. E anche se interagiamo e viviamo con loro, non possiamo vederli … e nemmeno toccarli!

Su scala atomica, ci sono molte cose che sono al di là della nostra portata. Nel corso della storia, molte persone sono riuscite a comprenderne e persino a controllarne alcune, come le reazioni chimiche, nonché i fattori che le influenzano maggiormente. Grazie a ciò possiamo descrivere in alcuni dettagli alcuni di questi fenomeni invisibili.

Elettroni attorno al nucleo dell’atomo e loro ruolo nella percezione attraverso il tatto

Arrivando al punto, quasi tutta la massa che ha un atomo è concentrata in quello che viene chiamato un nucleo, attorno al quale c’è una grande quantità di spazio in cui orbitano elettroni e protoni, particelle rispettivamente con cariche negative e positive. Il numero di elettroni dipenderà dall’elemento a cui corrisponde ogni atomo.

Da qui in poi parleremo molto di elettroni perché, sebbene siano così minimi, giocano un ruolo fondamentale nei fenomeni del nostro universo. Per capire perché non si possa davvero toccare nulla, è fondamentale sapere, almeno in generale, quali sono le sue dinamiche.

Dualità onda-particella, parte della spiegazione della fisica per la “menzogna” del tatto

Gli elettroni, come i fotoni, sono soggetti alla complessa dualità onda-particella, che afferma che si comportano sia come onde che come particelle. Inoltre, hanno una carica negativa, che è significativa considerando che le particelle sono attratte da altre di carica opposta e si respingono quando incontrano quelle con una carica simile. Queste forze attrattive e repulsive sono ciò che impedisce agli elettroni di entrare letteralmente in contatto diretto.

Qualcosa di simile accade in base al loro comportamento come onde: gli elettroni possono muoversi come onde e sovrapporsi, ma non si toccano mai. Con questo, la fisica ci spiega su scala minima (usando gli atomi e i loro elettroni) perché il tatto non è così reale come pensavamo.

Questo è ciò che accade atomicamente, ma possono anche essere estrapolati a un livello più macro e, in effetti, è ciò che accade in questo momento mentre trascini il dito sullo schermo del tuo telefono. Sebbene la situazione sembri molto reale, non lo è.

Anche se il tuo dito sembra toccare direttamente lo schermo e puoi persino sentire il suo calore, la verità è che c’è una distanza “incommensurabile” tra loro.

Perché percepiamo il tocco in modo così vivido?

Con questa dichiarazione controversa, sicuramente più di uno delibererà su alcuni fatti che potrebbero sfidare questa spiegazione. Perché proviamo dolore quando il nostro mignolo colpisce la base del tavolo? Perché ci scottiamo quando teniamo in mano una pentola calda? Com’è possibile che queste esperienze molto reali si rivelino una bugia?

Ed è qui che entra in gioco ciò che abbiamo menzionato all’inizio: comprendere l’elaborazione sensoriale a livello cerebrale. Vale la pena ricordare che le cose non sono necessariamente come le mostrano i nostri occhi, o come le sentiamo, né come le interpretiamo.

Fisica e neurologia per spiegare il tatto a livello degli atomi

Quindi dalla fisica quantistica passiamo alla neurologia. Il nostro corpo è dotato di una serie di recettori sensoriali; cellule nervose che prendono informazioni dal nostro ambiente, ad esempio, attraverso il tatto, e inviano segnali al nostro cervello, che risponde di conseguenza.

Tuttavia, si potrebbe dire che la sensazione del tatto è il risultato dell’interazione degli elettroni, o meglio, della repulsione, nel contesto del campo elettromagnetico nello spazio-tempo.

Per quanto riguarda il motivo per cui possiamo applicare certe cose sulla nostra pelle, o semplicemente perché ci sporchiamo toccando ciò che ci circonda, c’è anche una spiegazione. Le forze coinvolte nei legami chimici fanno sì che gli elettroni aderiscano alle imperfezioni delle superfici, creando attrito.

Ora, anche se tutto ciò che è stato menzionato finora sembra molto complicato per alcuni, ci dispiace segnalare che nemmeno la storia è completa. Il mondo a livello atomico rimane misterioso e, sebbene crediamo di capire molte cose ora, potrebbe esserci ancora molto da scoprire. Nel frattempo, puoi riconsiderare il modo in cui percepisci il mondo.


Fonte: Why Physics Says You Can Never Actually Touch Anything [Futurism].