Effetti paracetamolo usato troppo spesso

Il paracetamolo è un trattamento analgesico che dobbiamo sapere come e quando assumere per non nuocere alla nostra salute. L’assunzione di paracetamolo oggi per migliorare la salute può essere [...] ..

Effetti paracetamolo usato troppo spesso

  • Il paracetamolo è un trattamento analgesico che dobbiamo sapere come e quando assumere per non nuocere alla nostra salute.

L’assunzione di paracetamolo oggi per migliorare la salute può essere abbastanza comune per molte persone in tutto il mondo. Ed è che negli ultimi anni il consumo di questo trattamento analgesico è aumentato in modo esponenziale. In effetti, oggi è uno dei farmaci più venduti. In molte occasioni il paracetamolo viene assunto senza pensare che sia davvero un medicinale che contiene ingredienti che possono essere dannosi per la salute.

In questo modo, uno studio condotto dall’Università di Harvard assicura che il consumo continuo e incontrollato di paracetamolo per alleviare qualsiasi disturbo può causare un pericoloso sovradosaggio. Ed è che in un primo momento non possiamo percepire il danno che sta producendo. Ma a lungo andare, questo sovradosaggio può provocare malattie dannose per la salute. Inoltre, i ricercatori dello studio hanno anche affermato che in caso di sovradosaggio di paracetamolo è molto difficile da rilevare. Poiché il primo sintomo è un malessere generale dell’organismo, che non presenta grossi problemi per chi ne soffre. Pertanto, non diamo abbastanza importanza per andare dal medico.

Come il consumo di paracetamolo influisce sul tuo corpo

Il paracetamolo è uno dei pochi farmaci che può essere consumato in quasi tutte le situazioni, è adatto anche durante la gravidanza e l’allattamento, purché si segua la dose raccomandata. Uno dei motivi più comuni per cui qualcuno consuma il paracetamolo in un dato momento è che aiuta ad alleviare i sintomi dell’influenza e del comune raffreddore. Inoltre, è anche un trattamento perfetto per migliorare l’affaticamento del corpo e il disagio generale che questo tipo di virus produce nel nostro corpo.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il paracetamolo non è un antinfiammatorio. Al contrario, è un farmaco che colpisce il nostro corpo in quanto agisce sulla parte del cervello che controlla la soglia del dolore e la temperatura corporea. Ciò significa che questo medicinale è perfetto per ridurre la febbre, oltre che per alleviare il dolore grazie alle sue proprietà analgesiche.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Nel caso in cui abbiamo bisogno di un trattamento antinfiammatorio, è meglio scegliere di prendere l’ibuprofene. Anche se, come per il paracetamolo, troveremo anche controindicazioni che dovrebbero farti pensare due volte quando lo prendi in modo incontrollato.

Controindicazioni all’assunzione frequente di paracetamolo

Ci sono situazioni in cui il paracetamolo è controindicato:

  • Se hai una malattia del fegato, non è consigliabile assumere il paracetamolo.
  • Se sei allergico a qualsiasi parte del farmaco.

Allo stesso modo, prima di assumere questo medicinale, devono essere prese in considerazione le seguenti controindicazioni:

  • Non superare le dosi consigliate dal medico specialista.
  • Non consumare senza controllo medico. Il suo uso gratuito è controindicato.
  • In caso di dolore persistente o febbre di durata superiore a tre giorni, interrompere il trattamento e consultare nuovamente il medico.

D’altra parte, troveremo anche possibili effetti collaterali che può produrre anche se non è un farmaco molto aggressivo. Per esempio:

  • Reazioni allergiche: sebbene il paracetamolo sia un farmaco molto sicuro, può causare qualche tipo di allergia nello 0,01% delle persone che lo consumano.
  • Sovradosaggio: la dose massima consigliata è di 4 grammi al giorno. Un consumo maggiore di questo farmaco è totalmente controindicato, a meno che lo specialista non lo abbia valutato.

L’assunzione regolare e in grandi dosi di paracetamolo può causare sovradosaggio, problemi al fegato, danni ai reni, problemi digestivi, infarti, ictus e arresto cardiaco.