Dramma incendi in Australia non si ferma, nuova ondata di calore

Migliaia di turisti hanno 48 ore di tempo per lasciare le aree turistiche della costa sud-orientale dell’Australia prima dell’arrivo di ...

Dramma incendi in Australia non si ferma, nuova ondata di calore.

Migliaia di turisti hanno 48 ore di tempo per lasciare le aree turistiche della costa sud-orientale dell’Australia prima dell’arrivo di una nuova ondata di calore, prevista per sabato, che alimenterà la progressione degli incendi che affliggono il paese.

Questi incendi hanno causato la morte di almeno otto persone negli ultimi 2 giorni e hanno ridotto in cenere migliaia di ettari di foresta il primo giorno dell’anno. Si parla di un totale di 5 milioni di ettari e 1400 abitazioni e ucciso mezzo miliardo di animali. Molti turisti sono bloccati nelle città costiere circondate dalle fiamme.

I vigili del fuoco del Nuovo Galles del Sud hanno invitato giovedì mattina i turisti a lasciare due aree costiere lunghe circa 300 chilometri dalla città di Nowra a sud e lo stato di Victoria. Almeno 18 persone sono morte dall’inizio della stagione degli incendi, a settembre. Questa cifra potrebbe aumentare, poiché giovedì le autorità dello stato di Victoria hanno dichiarato che in quel territorio mancano 17 persone.

I turisti devono partire prima di sabato, che dovrebbe essere una giornata nera davanti al fuoco, con raffiche di vento e temperature sopra i 40°C. Condizioni che alimenteranno il fuoco. Potrebbe essere anche peggio di martedì, il giorno più mortale dall’inizio della stagione degli incendi.

Molti turisti hanno trascorso due notti isolati in aree senza elettricità e comunicazioni, con poche riserve di cibo. Le autorità hanno garantito la sicurezza di alcune strade proprio per evacuarle.

L’evacuazione dell’area riservata ai turisti sarà “la più importante di sempre nella regione”, ha dichiarato il ministro dei trasporti del Nuovo Galles del Sud Andrew Constance alla ABC. Migliaia di persone hanno iniziato a lasciare l’area interessata e questo giovedì c’era una lunga fila di macchine sulla strada che portava a Sydney.

Fuoco senza controllo

Il vicedirettore dei vigili del fuoco di stato, Rob Rogers, ha aggiunto che i vigili del fuoco non sono in grado di spegnere o controllare gli incendi attivi. “Ci sono così tanti incendi in quest’area che non possiamo contene“, ha detto alla ABC. “Dobbiamo assicurarci che non rimanga nessuno sul loro cammino”.

John Steele, 73 anni, vive vicino a Merimbula, sulla costa meridionale. Dice ad AFP che alcune persone sono state “prese dal panico” a causa delle chiamate a evacuare. “Ci sono così tante informazioni false su Facebook e su Internet”, afferma. Steele è ancora al suo posto con sua moglie al momento. La situazione nella regione è stata “caotica” per alcuni giorni e i prodotti freschi e la benzina sono quasi esauriti, egli descrive.

Le autorità non hanno potuto contattare tutte le persone che vivono nelle regioni rurali più isolate. Più di 400 case sono state distrutte negli ultimi giorni, un numero che dovrebbe aumentare man mano che i pompieri raggiungono i villaggi più remoti.