Crollo catastrofico nella popolazione di insetti

Avete notato che circa 10 anni fa, mentre guidavate, c’erano molti più insetti schiacciati sul parabrezza? Gli insetti di tutto il [...]


Crollo catastrofico nella popolazione di insetti.

Avete notato che circa 10 anni fa, mentre guidavate, c’erano molti più insetti schiacciati sul parabrezza?

Gli insetti di tutto il mondo sono sulla strada dell’estinzione e minacciano di generare un “catastrofico collasso degli ecosistemi”, secondo la prima analisi scientifica globale. Oltre il 40% delle specie sono in declino in numero e un terzo di loro sono in pericolo.

La velocità con cui si stanno scomparendo è otto volte superiore a quella di mammiferi, uccelli e rettili. Secondo i dati più accurati che sono stati ottenuti, vi è una diminuzione del 2,5% all’anno nel numero totale di insetti, una cifra che suggerisce che potrebbero scomparire completamente in un secolo.

Perdite colossali sono già state registrate in animali più grandi che sono più facili da documentare. Tuttavia, gli insetti sono di gran lunga gli animali più abbondanti e variegati, con una popolazione 17 volte maggiore di quella dell’umanità. I ricercatori dicono che sono “essenziali” per il funzionamento degli ecosistemi, sia come cibo per altre creature, per impollinare le piante o riciclare i nutrienti.

Recentemente, il rapido declino della popolazione di insetti in Germania e Portorico è stato studiato, ma questa analisi indica che la crisi è su scala globale. I ricercatori hanno abbozzato le loro conclusioni con termini insolitamente forti per essere uno studio scientifico:

“Questa tendenza conferma che la sesta estinzione di massa sta avendo un profondo impatto sui modi di vita del nostro pianeta”.

“A meno che non cambiamo il nostro modo di produrre cibo, gli insetti andranno verso l’estinzione in pochi decenni. Le conseguenze di questo per gli ecosistemi del pianeta saranno, almeno, catastrofiche“.

Leggi  Algoritmo Google prevedere quando potresti morire

Lo studio, pubblicato sulla rivista accademica Biological Conservation, assicura che l’agricoltura intensiva è la causa principale del declino del numero di insetti, in particolare l’uso di pesticidi. L’urbanizzazione e il cambiamento climatico sono altri fattori importanti.

“Se non è possibile arginare la perdita di specie di insetti, le conseguenze saranno catastrofiche per entrambi gli ecosistemi del pianeta e la sopravvivenza dell’umanità”, ha detto Francisco Sanchez-Bayo, Università di Sydney, in Australia, uno dei i redattori dell’analisi insieme a Kris Wyckhuys dell’Accademia cinese delle scienze agrarie di Pechino. La perdita annuale di insetti del 2,5% negli ultimi 25 o 30 anni è “scioccante”, dice Francisco Sanchez-Bayo a The Guardian:

“E’ molto veloce! In 10 anni avremo un quarto in meno di insetti, in 50 anni ne resterà solo la metà e in 100 anni saranno scomparsi”.