Miliardi di Api morte in Messico, situazione Apocalittica

La morte di oltre 1600 milioni di api in quattro anni, causa la preoccupazione dei ricercatori dell’Università Nazionale Autonoma del Messico [...]


Miliardi di Api morte in Messico, situazione Apocalittica.

La morte di oltre 1600 milioni di api in quattro anni, causa la preoccupazione dei ricercatori dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), che considerano la situazione come “apocalittica“. Il direttore dell’apicoltura messicano, Alfonso Cestelos Sanz, ha identificato le cause principali che spiegano la situazione attuale nel paese.

Acaro varroa. Questo insetto è stato scoperto nelle Filippine negli anni ’70 ed è arrivato in Messico negli anni ’90. Entra nelle cellule delle api quando sono ancora nella fase delle uova, e mentre si sviluppa come una larva sta mangiando parti dell’insetto in bianco e nero. Così le popolazioni di api cominciarono a nascere senza le loro piene capacità, e quando raggiungono l’età adulta, l’acaro rimane nell’addome che succhia l’emolinfa (liquido di insetti simile al sangue nei mammiferi). Ciò provoca il drenaggio delle api malate da parte di questi parassiti. Possono uccidere un alveare in un mese e mezzo.

Pesticidi ed erbicidi. Questi prodotti chimici utilizzati nelle colture possono disorientare le api quando arrivano a raccogliere il nettare sul fiore, facendoli perdere la rotta e finendo per morire. Inoltre, le quantità di veleno che contengono sono letali per gli insetti.

Cambiamenti climatici. Eventi meteorologici estremi provocano una mortalità più elevata negli alveari.

Antenne di comunicazione. Questi strumenti li disorientano e impediscono loro di tornare a casa e muoiono.

La scomparsa delle api è una minaccia per la sicurezza alimentare.

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), delle 100 specie di verdure che forniscono il 90% del cibo in 146 paesi, 71 sono impollinate dalle api. Circa l’80% delle specie di piante e alberi è fecondato da insetti, tra cui le api.

Leggi  NASA: Asteroide catastrofico potrebbe colpire la Terra in qualsiasi momento

I dati del Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale indicano che il Messico è il sesto maggior produttore di miele e occupa la terza posizione nelle esportazioni del cosiddetto “oro liquido“.

Il direttore di Beekeeping MX sostiene che per gli “effetti della soia transgenica“, l’anno 2017 è stato “devastante” per la regione dello Yucatan, il più grande stato produttrici di miele nel paese. Ha detto che le conseguenze di perdere questo prezioso invertebrato in Messico sarebbero le stesse del resto del mondo.

Per cercare di invertire questa drammatica situazione, si suggerisce di avere vasi nelle case che contengono piante di miele (quelle che contengono il nettare) della regione in cui vivono.

È anche un consumo responsabile importante, evita qualsiasi prodotto transgenico. La speranza: sembra esserci molta più consapevolezza a tal proposito. Prima o poi ci sarà un cambiamento in favore delle api.