Creato impianto cerebrale wireless per distruggere tumori

Il cancro rimane una delle malattie più difficili da curare a causa della sua azione distruttiva sull’organismo. Tuttavia, la medicina lavora ogni giorno per sviluppare una cura con la [...] ..

Creato impianto cerebrale wireless per distruggere tumori

Il cancro rimane una delle malattie più difficili da curare a causa della sua azione distruttiva sull’organismo. Tuttavia, la medicina lavora ogni giorno per sviluppare una cura con la quale milioni di persone possono avere l’opportunità di superare questa terribile malattia.

In tal senso, un team di ricercatori della Stanford Medicine ha fatto notizia in questi giorni nel mondo scientifico dopo aver creato un piccolo impianto cerebrale wireless, che hanno dotato di nanoparticelle riscaldabili responsabili dell’attacco dei tumori cerebrali; tutto questo senza richiedere anestesia, chemioterapia o radioterapia.

Vale la pena ricordare che il dispositivo è già stato testato efficacemente sui topi, anche se la sua implementazione negli esseri umani dovrà attendere ancora un po’.

Trattamento fototermico, come funziona

Il trattamento fototermico è un metodo che è già stato utilizzato in passato per attaccare la presenza di cancro nel cervello, anche se ciò richiedeva un’operazione a cranio aperto per esporre il tumore a una fonte di luce, rendendo questa una procedura complessa e molto difficile invasiva.

Ora, con questo impianto telecomandato, questo è cambiato, poiché è progettato per essere impiantato tra la pelle e il cranio. Una volta fatto ciò, le nanoparticelle d’oro trovate all’interno vengono iniettate nel tumore attraverso un piccolo foro nel cranio. Successivamente viene premuto un interruttore, in modo che venga emessa una luce infrarossa, che ha un potere che penetra nel tessuto cerebrale e attiva le nanoparticelle; tutto questo ad una temperatura sufficientemente alta da eliminare la cellula cancerosa, ma senza causare danni al tessuto cerebrale

circostante.

Durante la fase di test, gli scienziati responsabili del progetto hanno impiantato la tecnologia nel cranio di topi con cancro al cervello, che sono stati sottoposti a un trattamento fototermico burst per un periodo di 15 minuti per 15 giorni.

Dopo questo tempo, sono stati ottenuti risultati in cui è stato dimostrato che i topi trattati erano sopravvissuti in media da due a tre volte più a lungo rispetto a un altro gruppo di topi non trattati.

Inoltre, combinando il trattamento fototermico con la chemioterapia, la durata della vita dei topi è stata notevolmente aumentata.

Anche così, gli scienziati ritengono che sia difficile capire l’effetto che questo trattamento potrebbe produrre quando applicato a un essere umano, poiché ha una durata della vita diversa, che può essere drasticamente ridotta quando viene rilevata la presenza di tumori aggressivi come il glioblastoma.

Nonostante ciò, la ricerca intravede progressi promettenti che li avvicinano a tale obiettivo.