Consumare Omega-3 abbassa il rischio di morte prematura

I ricercatori hanno concluso che gli acidi grassi omega-3 possono influire positivamente sulla salute generale, rallentando il processo di invecchiamento...

Consumare Omega-3 abbassa il rischio di morte prematura

Un gruppo di scienziati internazionali ha stabilito che le persone con alti livelli di acidi grassi omega-3 nel sangue hanno un rischio inferiore del 15-18% di morte prematura. Gli specialisti del Consorzio per la ricerca sugli acidi grassi e i risultati (FORCE) hanno condotto un’analisi prospettica dei dati raccolti in 16 anni tra 42.466 persone raccolte in 17 gruppi separati da diverse parti del mondo. Durante quel periodo, 15.720 degli individui morirono.

Come hanno concluso i ricercatori, le persone che avevano livelli più elevati di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) nel percentile 90 avevano un rischio inferiore del 9-13% di morte prematura rispetto alle persone con livelli di EPA e DHA nel percentile 10. Con alti livelli di acido eicosapentaenoico, docosapentaenoico, docosaesaenoico nel sangue, il rischio di morte prematura era del 15-18% inferiore rispetto a livelli bassi. Gli autori del nuovo studio sono dell’opinione che questi risultati suggeriscano che gli acidi grassi omega-3, presenti nelle alghe, tra gli altri alimenti, possono influire positivamente sulla salute generale e quindi rallentare il processo di invecchiamento.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Bill Harris, fondatore dell’Acid Research Institute Grasos (FARI) e responsabile autore della ricerca:

“Poiché tutte queste analisi sono state aggiustate statisticamente per molteplici fattori personali e medici (età, sesso, peso, fumo, diabete, pressione sanguigna, ecc, oltre ai livelli di acidi grassi omega-6 nel sangue), riteniamo che questi siano i dati più solidi pubblicati fino ad oggi che supportano l’opinione che, a lungo termine, avere livelli più elevati di omega-3 nel sangue può aiutare a mantenere una migliore salute generale”.

Secondo i risultati degli scienziati, alti livelli di acidi omega-3 possono essere associati a un minor rischio di morte “per tutte le cause”. A suo avviso, ciò è dovuto agli effetti antipertensivi e antipiastrinici (miglioramento del flusso sanguigno) degli omega-3, nonché ai suoi effetti positivi sull’endotelio e sugli adipociti.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.