Confine Germania Polonia: massiccia morte di pesci nel fiume Oder

Disastro ambientale lungo un fiume al confine tra Germania e Polonia. Gli abitanti dello stato tedesco del Brandeburgo, al confine con la Polonia, sono preoccupati da giorni per la [...] ..

massiccia morte pesci fiume contaminazione mercurio

Disastro ambientale lungo un fiume al confine tra Germania e Polonia. Gli abitanti dello stato tedesco del Brandeburgo, al confine con la Polonia, sono preoccupati da giorni per la massiccia morte di pesci registrata nel fiume Oder. I campioni d’acqua analizzati da un laboratorio statale hanno rivelato un livello di contaminazione da mercurio così alto che il risultato del test non era visibile e quindi è stato necessario ripeterlo.

Gregor Beyer, capo dell’amministrazione ambientale per il distretto di Märkisch-Oderland nello stesso stato: “Attualmente ci sono molte speculazioni sull’origine del mercurio o di altre tossine”. Secondo lui, la contaminazione “ovviamente” proviene dalla Polonia, ma la situazione non è stata segnalata dai corrispondenti sistemi di allerta, che considera “molto irritante”. “Siamo stati in grado di reagire solo quando è stato possibile osservare direttamente la morte di un pesce”.

Gigantesco e spaventoso disastro ambientale

Beyer ha spiegato che un’onda alta 30 centimetri ha attraversato il fiume, ma non c’è modo di determinare con certezza se portasse con sé la sostanza chimica tossica.

“Tutto indica che la contaminazione dell’Oder che ha causato la morte di molti pesci potrebbe essere di origine industriale”, ha affermato Magda Gosk, vicedirettore dell’Agenzia polacca per la protezione dell’ambiente. Tuttavia, i risultati dei test effettuati in questo Paese non saranno disponibili fino alla prossima settimana.

10 tonnellate di pesci morti

“Questo dimostra che siamo di fronte a un gigantesco e spaventoso disastro ambientale“, ha affermato il capo del Consiglio nazionale polacco per la gestione delle acque, Przemyslaw Dhaka, citato da TVP. Il funzionario ha sottolineato che i dipendenti della sua agenzia, oltre a pescatori e volontari, hanno recuperato un totale di 10 tonnellate di pesci morti.