Scoperto come il Coronavirus si lega alle cellule umane per “dirottarle” e produrre più virus

Gli scienziati hanno scoperto come il nuovo coronavirus si lega alle cellule respiratorie per “dirottarle” e produrre più virus, una ...

Scoperto come il Coronavirus si lega alle cellule umane per "dirottarle" e produrre più virus.

Gli scienziati hanno scoperto come il nuovo coronavirus si lega alle cellule respiratorie per “dirottarle” e produrre più virus, una scoperta che potrebbe contribuire allo sviluppo di farmaci o persino a un vaccino contro covid-19. D’accordo con un nuovo studio pubblicato ieri sulla rivista Science, per infettare un ospite umano, i virus devono essere in grado di entrare nelle singole cellule umane. Per fare ciò, usano il meccanismo di queste cellule per produrre copie di se stesse, che poi si diffondono replicandosi in nuove cellule.

Nel nuovo studio, gli scienziati guidati da Qiang Zhou della Westlake University di Hangzhou, in Cina, hanno scoperto come il nuovo virus si lega a un recettore sulle cellule respiratorie umane chiamato enzima 2 di conversione dell’angiotensina o ECA2.

A metà febbraio, un team di ricercatori guidato dall’Università del aveva descritto in SARS-CoV-2 una piccola chiave molecolare, una proteina “spike” che consente al coronavirus di entrare nella cellula. Ora, il team di Qiang Zhou è stato in grado di descrivere la struttura della proteina del recettore ECA2 – trovata sulle superfici delle cellule respiratorie – e come interagisce con la proteina “spike”.

Per fare questo, gli scienziati hanno utilizzato uno strumento chiamato criocricoscopia elettronica, che utilizza campioni surgelati e fasci di elettroni per ottenere immagini delle strutture più piccole di molecole biologiche.

Di conseguenza, i ricercatori hanno scoperto che il legame molecolare tra la proteina “spike” SARS-CoV-2 e ECA2 sembra abbastanza simile al modello di legame del coronavirus che ha causato l’epidemia di SARS del 2003. Tuttavia, ci sono diverse differenze negli amminoacidi precisi usati per legare la SARS-CoV-2 a quel recettore ECA2 rispetto al virus che causa la SARS.

Queste differenze possono essere significative rispetto alla forza con cui ciascuno di questi virus si lega alle cellule, il che a sua volta potrebbe influire sulla facilità con cui un virus viene trasmesso da una persona all’altra. Se una determinata particella virale ha più probabilità di entrare in una cellula una volta che entra nel corpo umano, è più probabile la trasmissione della malattia, ha spiegato al portale Live Science Thomas Gallagher, un virologo della Loyola University di Chicago, che non era coinvolto in questa nuova ricerca, ma studia la struttura del coronavirus.

Secondo Gallagher, altri coronavirus che causano infezioni delle vie respiratorie superiori non interagiscono con il recettore ECA2, ma invece entrano nel corpo usando altri recettori nelle cellule umane.