Campi elettromagnetici e loro effetto sulla biologia

Cosa sono i campi elettromagnetici e quale effetto producono sulla biologia. A causa della grande attività umana in questi tempi ...

Campi elettromagnetici e loro effetto sulla biologia.

Cosa sono i campi elettromagnetici e quale effetto producono sulla biologia. A causa della grande attività umana in questi tempi moderni, non solo gli esseri umani ma tutti gli esseri viventi sulla Terra vivono sotto gli effetti dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici e si ritiene che la sovraesposizione a questi campi produca effetti sugli esseri viventi.

Nel corso del 21° secolo, l’esposizione ambientale è cresciuta continuamente con l’aumento della domanda di elettricità, il costante progresso delle tecnologie e i cambiamenti nelle abitudini sociali che hanno generato più fonti artificiali di campi elettromagnetici (CEM).

I campi elettromagnetici fanno parte dell’insieme di fattori esterni chiamati “ambioma“, cioè un insieme di elementi mutanti non genetici che circondano l’individuo e che insieme al genoma e al proteoma compongono lo sviluppo e la costruzione dell’essere umano o possono determinare l’aspetto di una malattia. Quindi influisce sulla nostra salute.

L’esposizione umana ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (CEM-RF)

Negli ultimi anni, numerosi studi hanno caratterizzato l’esposizione umana ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (CEM-RF), quasi tutti hanno distinto fino a 20 bande di frequenza, vale a dire: radio, televisione, TETRA, mobile (6-10 bande di salita e discesa, rispettivamente terminali e antenne), ma anche DECT (telefoni cordless), WIFI (2G e 5G) e WiMAX.

Campi elettromagnetici e loro effetto sulla biologia.

Esistono prove di danni da radicali liberi nell’uomo, negli animali, nelle piante e nei microrganismi per entrambi i campi elettromagnetic, da bassa ad altissima frequenza, come per le radiazioni a radiofrequenza, nessuna delle quali è ionizzante.

Mentre le radiazioni ionizzanti danneggiano direttamente il DNA, le radiazioni non ionizzanti interferiscono con i meccanismi di riparazione ossidativa che provocano stress ossidativo, danni ai componenti cellulari, incluso il DNA, e danni ai processi cellulari che portano al cancro.

I campi magnetici a bassa frequenza inducono correnti circolanti nel corpo. L’intensità di queste correnti dipende dall’intensità del campo magnetico esterno. Se è abbastanza forte, le correnti potrebbero stimolare i nervi e i muscoli o influenzare altri processi biologici. Ad esempio, i nervi emettono segnali trasmettendo impulsi elettrici. Nella maggior parte delle reazioni biochimiche, dalla digestione alle attività cerebrali, si verifica una riorganizzazione delle particelle cariche, compreso il cuore che presenta attività elettrica.

A sua volta, il CEM genera un’alterazione del sistema endocrino in due modi principali. Da un lato, influenzano l’orologio biologico centrale, che altera i segnali efferenti verso l’ipotalamo e la ghiandola pineale. A livello ipotalamico, la produzione ritmica di fattori ipotalamici o ormoni che a loro volta regolano la produzione e la secrezione di ormoni ipofisari può essere modificata, portando a un’interruzione endocrina globale. D’altra parte, l’alterazione della produzione ritmica della melatonina pineale dà origine al meccanismo noto come desincronizzazione interna, con cui viene alterato anche il ritmo circadiano degli ormoni.

Di conseguenza, e in base all’effetto prodotto dal CEM, si verificherà un disturbo endocrino più o meno grave, che può variare da stati di stress accompagnati da aumento del cortisolo, a stati di infertilità dovuti all’alterazione degli ormoni riproduttivi, nonché, tra gli altri, a disturbi tiroidei e metabolici.

Considerando la connessione tra i diversi sistemi del corpo, chiamato sistema psiconeuroimmunoendocrino, l’alterazione di uno di essi influenza il resto dei sistemi, quindi la grande versatilità dei sintomi che possono apparire

a seguito di un’esposizione incontrollata a campi elettromagnetici.

Tra i disturbi neurologici prodotti da CEM ci sono irritabilità, mal di testa, disturbi del ciclo sonno / veglia, insonnia, sonnolenza diurna, disturbi sensoriali, umore, carattere, depressione); cardiovascolare (disturbi del ritmo cardiaco, pressione alta); riproduttiva (disturbi del ciclo mestruale, infertilità, riduzione della libido, aborti); tumorigenesi (principalmente leucemie e tumori cerebrali); dermatologico (dermatite e allergie); endocrino (alterazioni cortisolo, insulina, ormoni tiroidei) e immunologico (alterazione del sistema di immunovigilanza antinfettiva e antitumorale).

Anche la melatonina dell’asse centrale non riesce a compiere la sua funzione durante l’esposizione ai campi elettromagnetici.

Questo ormone è il principale antiossidante endogeno e antinfiammatorio che produciamo nel nostro corpo. La sua funzione è quella di proteggere questi organi dai danni ossidativi e infiammatori prodotti dal CEM. La conseguenza finale di questo circolo vizioso è che un danno maggiore alle nostre cellule è causato da una carenza di melatonina causata dal CEM.

La bioingegneria quantistica nei suoi protocolli terapeutici di diagnosi, disintossicazione e protocollo sistemico tratta il CEM, mettendo il criterio del ragionevole dubbio contro gli effetti di questo tipo di contaminazione e suggerisce di evitare l’esposizione al CEM, specialmente nella popolazione più a rischio, vale a dire bambini, donne in gravidanza e anziani.

Non si tratta di rinunciare a queste tecnologie, ma di razionalizzare il loro uso e la ricerca per mitigare gli effetti negativi dei campi elettromagnetici. Dobbiamo essere in grado di convivere con la tecnologia senza nuocere alla salute. Ecco perché è meglio prevenire, usando il criterio di evitamento prudente, riducendo l’esposizione ai campi elettromagnetici.

Speriamo che i governi possano presto includere l’elettrosensibilità, come recentemente fatto con la chemosensibilità, all’interno delle patologie riconosciute dai sistemi di sanità pubblica.


Traduzione fonte: articolo scritto da Margarita Ortega González (Professoressa di biologia e scienze, Insegnante di bioingegneria quantistica).