Cambiamento climatico causa scioglimento estremo in Antartide

Il cambiamento climatico sta causando perdite estreme nella più grande riserva di ghiaccio del pianeta. Il riscaldamento dell’Oceano Antartico sta causando...

Cambiamento climatico causa scioglimento estremo in Antartide.

Il cambiamento climatico sta causando perdite estreme nella più grande riserva di ghiaccio del pianeta. Il riscaldamento dell’Oceano Antartico sta causando tali perdite ad una velocità cinque volte più veloce rispetto agli anni ’90, secondo un’analisi dei dati satellitari pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters.

La superficie del ghiaccio nell’Antartide occidentale è rimasta stabile nel 1992, ma da allora un quarto della sua superficie si è ridotto. Nelle zone più colpite sono scomparsi più di 100 metri del suo spessore.

Se l’area fosse completamente persa, il livello del male salirebbe a circa cinque metri, il che provocherebbe seri problemi per tutte le città costiere del mondo. Secondo gli scienziati, le attuali perdite stanno raddoppiando ogni decennio.

Secondo gli scienziati, nelle isole Pine e Thawaites, sono stati colpiti oltre il 50% dei bacini glaciali.

“Prendendo gli anni ’90 come punto di partenza, il diradamento si è diffuso all’interno del territorio negli ultimi 25 anni, questo è veloce in termini glaciologici”, ha affermato il professor Andy Shepherd dell’Università di Leeds, che ha guidato lo studio .

“Prima si datava la riduzione delle calotte glaciali in periodi geologici, adesso questa è stata sostituita dalla vita delle persone”.

Secondo la ricerca, le nevicate, anch’esse colpite dal cambiamento climatico, sono un altro fattore chiave nel mantenimento della calotta glaciale.

In precedenza, la neve che cadeva sui ghiacciai dell’Antartide compensava le perdite della superficie quando gli iceberg andavano verso l’oceano.

Ma ora questi si stanno separando più velocemente di quanto la neve possa sostituirli.

Altre ricerche pubblicate a gennaio hanno rivelato che la perdita di ghiaccio nel continente antartico si è moltiplicata per sei volte dal 1980, con il maggiore impatto a ovest, secondo The Guardian, tuttavia, il nuovo studio indica che l’Antartide occidentale ha causato un aumento di 5 millimetri nel livello del mare dal 1992, in linea con i risultati di gennaio.

Senza una rapida riduzione delle emissioni di carbonio che guidano il riscaldamento globale, come stabilito nell’Accordo di Parigi – che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha lasciato nel 2017 – lo scioglimento e l’innalzamento del livello del mare continueranno. anni.

“Prima che avessimo utili misurazioni satellitari dallo spazio, la maggior parte dei glaciologi pensava che le calotte polari fossero piuttosto isolate dai cambiamenti climatici e non cambiarono affatto”, ha detto Shepherd. “Ora sappiamo che non è vero”.


Scritto da Redazione Breaking News, Aggiornato a sabato 18 Maggio 2019, Pubblicato in Attualità