Borse di plastica, un anno di prigione in Tanzania

Chiunque utilizzi i sacchetti di plastica in Tanzania può ricevere una multa e coloro che vengono presi mentre li fabbricano ...

Borse di plastica, un anno di prigione in Tanzania.

Chiunque utilizzi i sacchetti di plastica in Tanzania può ricevere una multa e coloro che vengono presi mentre li fabbricano possono andare in prigione. La legge è entrata in vigore il 1° luglio 2019.

Il divieto si applica alla produzione, importazione, vendita e utilizzo di tutti i sacchetti di plastica monouso. Ai turisti che arrivano in Tanzania viene ora chiesto di consegnare i loro sacchetti di plastica all’aeroporto. I sacchetti con chiusura a zip utilizzati come parte delle procedure di sicurezza dell’aeroporto sono ancora consentiti.

Non è la prima volta che il Presidente della Tanzania, John Magufui, è contro l’inquinamento.

Nel 2015, poco dopo essere stato eletto, ha sostituito le celebrazioni del giorno dell’indipendenza con un’operazione di pulizia pubblica ed è stato fotografato mentre raccoglieva spazzatura fuori dalla Casa di Stato.

Il Bangladesh è stato il primo paese a mettere in atto un divieto nel 2002, seguito da Cina, Paesi Bassi, Israele, Marocco e Albania, tra gli altri. Tuttavia, la portata del divieto di ogni nazione è diversa.

Pene pesanti in Tanzania

La fabbricazione di sacchetti di plastica in Tanzania può comportare una pena detentiva di due anni o una multa fino a 400 mila scellini tanzaniani (TZS), oltre 360 dollari americani.

Chiunque porti una borsa può essere soggetto a una multa di circa 15 dollari o fino a sette giorni di carcere.

Da parte sua, il direttore del WWF Tanzania, Amani Ngusaru, ha dichiarato che questo è dovuto per il fatto che una borsa di plastica ci mette oltre 100 anni a degradarsi e su Facebook ha espresso la sua soddisfazione nei confronti della Tanzania: “uno dei pochi paesi in Africa che proibisce l’uso delle borse di plastica”.

Il World Wide Fund for Nature (WWF) ha accolto con favore il divieto e ha definito la plastica “un killer silenzioso del nostro ambiente naturale“.

Chiunque utilizzi i sacchetti di plastica in Tanzania può ricevere una multa.

L’Africa e il suo contributo alla cura del pianeta.

La vicina Ruanda ha introdotto il divieto di sacchetti di plastica oltre un decennio fa. Secondo Patrick Mwesigye del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), uno dei motivi per cui c’è riuscito è perché “non c’era molta produzione di plastica” nel paese prima del divieto. La Tanzania è uno degli oltre 30 paesi africani che ha vietato l’uso di plastica monouso.

Nel 2017, il Kenya ha introdotto pene con multe di oltre 50 dollari americani per l’uso di borse di plastica e fino a quattro anni di carcere.

Il direttore esecutivo per l’Africa dell’ONG Greenpeace, Njeri Kabeberi, ha assicurato che “la situazione ambientale è migliorata. Non vediamo più i sacchetti di plastica appesi nella vegetazione o che volano nei giorni ventosi. Le strade sono più pulite”. Tuttavia, “esiste ancora contrabbando di plastica dai paesi vicini” come l’Uganda, ha aggiunto.