Albero naturale o artificiale, quale opzione è più ecologica durante il Natale?

Sappiamo che l’albero di Natale è una delle decorazioni principali di questa stagione. Prima si usavano alberi naturali senza eccezioni ma ora, da diversi anni, si usano alberi artificiali [...] ..

Ek0W81t

Sappiamo che l’albero di Natale è una delle decorazioni principali di questa stagione. Prima si usavano alberi naturali senza eccezioni ma ora, da diversi anni, si usano alberi artificiali per Natale, e ogni anno quando arriva il momento di decorare per questo celebrazione ci chiediamo nuovamente quale delle due opzioni sia la migliore per quanto riguarda i benefici che possono apportare alla cura dell’ambiente. In modo che tu possa farti un’idea migliore ti diciamo come sono fatti e cosa si può fare con loro dopo le vacanze natalizie di dicembre.

Impatto ambientale

LQB2HDs

Gli alberi artificiali stanno guadagnando popolarità negli ultimi anni, uno dei suoi vantaggi è il risparmio che deriva dal non acquistare un albero ogni anno, tuttavia, questi sono solitamente realizzati con una plastica non rinnovabile ricavata dal petrolio nota come PVC, acciaio e solventi.

Inoltre, questi alberi in PVC contengono spesso piombo, che viene utilizzato come stabilizzatore. Uno studio afferma che questi alberi non presentano un rischio significativo di contaminazione ma, nel peggiore dei casi, potrebbero non essere raccomandati per bambini e animali domestici.

Gli alberi artificiali vengono riutilizzati tra un minimo di cinque anni e circa un massimo di dieci anni, ma dopo questo tempo vengono scartati. Una volta buttati rimarranno nello stesso posto senza modifiche perché impiegano troppi anni a degradarsi, un processo che può richiedere fino a 100 anni.

Si stima che l’impronta di carbonio lasciata da ciascuno di questi sia di 40 kg di CO2e.

Utilizzo dell’albero naturale

f7mCP9I

Quindi se lo affrontiamo partendo dal tema dei rifiuti, l’opzione migliore sarà un albero naturale, questo perché potremo dargli usi diversi una volta terminato il periodo natalizio. Tra gli usi che possiamo dargli c’è quello di usarlo come compost una volta che lo avremo frantumato. Quando l’albero si è seccato, possiamo dargli un secondo utilizzo utilizzandolo come legna da ardere per falò o caminetti.

Inoltre, le vendite di alberi naturali contribuiscono a rilanciare l’economia degli agricoltori e le loro piantagioni contribuiscono a rallentare la crescita dell’espansione urbana incontrollata, aiutando la fissazione del carbonio attraverso la fotosintesi, evitando la perdita di suolo e costruite per mantenere le falde acquifere.

Anche se acquisti un albero con tutto e le sue radici intatte, dopo le vacanze di Natale puoi piantarlo di nuovo in giardino e continuare a sfruttare i benefici che gli alberi naturali forniscono, ricorda solo che richiede cure speciali per mantenerlo in vita.

Tuttavia, il Natural Resources Defense Council (NRDC) raccomanda che l’opzione veramente più verde sia quella di non acquistare un albero, indipendentemente dal fatto che sia naturale o artificiale, e che l’opzione migliore sia realizzare alberi di Natale con materiali riciclati. Oppure, in caso contrario, acquista un albero dopo aver considerato cosa ne farai una volta terminate le vacanze.