Afasia: disturbo neurologico che ci impedisce di trovare la parola giusta

Il famoso attore Bruce Willis ha sorpreso i suoi fan mercoledì con il suo inaspettato ritiro dal mondo del cinema e della recitazione, dopo che la sua famiglia ha [...] ..

Afasia: disturbo neurologico che ci impedisce di trovare la parola giusta

Il famoso attore Bruce Willis ha sorpreso i suoi fan mercoledì con il suo inaspettato ritiro dal mondo del cinema e della recitazione, dopo che la sua famiglia ha annunciato che gli era stata diagnosticata l’afasia.

La comunicazione è una parte essenziale della vita, che pensiamo sarà sempre lì per aiutarci a capire come ci sentiamo e come dovremmo relazionarci con gli altri. Ma cosa accadrebbe se un giorno perdessimo quella capacità?

Questa è la realtà per più di un milione di persone che soffrono di afasia, un disturbo neurologico che colpisce la loro capacità di parlare, scrivere e comprendere la lingua. Uno di questi è l’attore Bruce Willis, che ha recentemente annunciato il suo ritiro dopo la diagnosi di questo disturbo.

Cosa significa avere l’afasia?

afasia significato

Le persone con afasia non sono in grado di formulare frasi complete. Questo perché il suo cervello ha perso il contatto con l’area di Wernicke, la regione del lobo temporale responsabile dell’interpretazione del linguaggio. Di solito a causa di gravi colpi alla testa, tumori cerebrali o disturbi neurologici progressivi.

In questo senso, possiamo vedere l’afasia come un tipo di lesione piuttosto che un disturbo neurologico, poiché si verifica solo quando il flusso sanguigno al cervello viene interrotto. Durante questo processo, le cellule cerebrali muoiono per mancanza di ossigeno e la persona inizia a sperimentare problemi simili a quelli vissuti da qualcuno con demenza. Vale a dire:

  1. Difficoltà a dire frasi coerenti.
  2. Problemi a leggere e parlare.
  3. Sostituzione costante di una parola con un’altra.

Non tutti perdono il “discorso” allo stesso modo

afasia bruce willis spiegazione

L’afasia è un disturbo curioso, perché ogni persona lo vive in modo diverso, a seconda dell’età o della lesione che ha causato il disturbo neurologico.

Ad esempio, ci sono persone con afasia che possono capire ciò che gli altri dicono loro, ma non sono in grado di comunicarlo. Queste sono conosciute come persone con afasia espressiva, perché hanno difficoltà a pronunciare anche le frasi più semplici, come ‘ciao’ o ‘ho fame’:

Inoltre, ci sono quelli con un’afasia più ‘integrale’, che consente loro di parlare fluentemente ma non in modo coerente. Possono scrivere qualsiasi cosa, ma sarà idoneo solo per loro. Ciò è dovuto al numero di parole errate o inventate che usano.

Come questi, si stima che ci siano migliaia di persone con altri tipi di afasia derivata che impediscono loro di ripetere più volte la stessa parola, parlare fluentemente o differenziare un oggetto da un altro.

La dualità dell’afasia

identificare quale afasia grave

Tuttavia, identificare quale afasia è grave e quale no può essere abbastanza difficile per i medici che trattano disturbi neurologici. Principalmente perché ci sono molti altri disturbi del linguaggio che producono sintomi simili, come la dislessia o la disartria.

Per questo motivo, i ricercatori chiedono che venga prestata particolare attenzione al fatto che la persona soffra, insieme a sintomi del linguaggio, problemi di vista o movimenti articolari. Se questo è il caso, molto probabilmente non è affetto da afasia, ma da un tumore o da un disturbo neurologico più grave.

Quanto è preoccupante questo disturbo neurologico?

Afasia personaggi famosi

Sebbene questo disturbo non sia fatale, può influenzare seriamente lo stile di vita della persona che ne soffre. Dopotutto, limita la capacità di comprendere lettere, numeri e frasi, sia pronunciate che scritte. Con il quale questi non sono in grado di svolgere lavori legati alla recitazione, al management, alla scienza o alla comunicazione.

Allo stesso modo, non possono comprare cibo al supermercato, parlare al telefono o ascoltare le notizie per essere consapevoli di ciò che sta accadendo. Il che fondamentalmente significa che dipendono totalmente da qualcun altro per il loro sostentamento. Per questo l’Istituto Nazionale per i Sordi e gli altri Disturbi della Comunicazione (NIDCD) ha indicato che l’afasia dovrebbe essere trattata il prima possibile, individualmente o in gruppo, di persona o attraverso un computer.

Il trattamento dell’afasia si basa ancora su metodi sperimentali

I ricercatori del NIDCD stanno attualmente implementando tre diverse tecniche per trattare l’afasia negli uomini e nelle donne, poiché non è stato ancora trovato alcun metodo efficace.

Da un lato, l’uso di sensori elettrici nel cervello per stimolare le aree del lobo temporale legate alla memoria e all’attenzione a breve termine. Entrambe sono abilità necessarie per l’elaborazione di testi.

D’altra parte, l’esplorazione di terapie farmacologiche per curare la mancanza di flusso sanguigno. L’afasia non ha ancora un farmaco, ma gli scienziati pensano che i neurotrasmettitori chimici potrebbero essere usati per leggere i segnali nel loro cervello e farli parlare.

E, infine, la promozione delle terapie emotive. Gli scienziati consigliano ai parenti delle persone con afasia di partecipare a terapie per sostenerli nella loro vita quotidiana. Questo per evitare una battuta d’arresto nella cura della sua malattia.

Frank Berger, ricercatore presso NIDCD: “Semplifichiamo anche il nostro linguaggio. Ripetiamo le parole quanto è necessario affinché la persona con afasia capisca, e soprattutto aiutiamola a svolgere compiti semplici affinché il disturbo non influisca sulla sua salute emotiva”.

Speriamo che anche l’afasia più grave che ha tenuto Bruce Willis fuori dal palco sia presto un disturbo neurologico curabile di cui non dobbiamo preoccuparci.


Riferimenti: