Trovate prove esistenza dello Yeti sull’Himalaya, Foto e Video

“Per la prima volta, una spedizione di montagna formata da un team dell’esercito indiano, ha trovato le misteriose tracce dello ...

Trovate prove esistenza dello Yeti sull'Himalaya, Foto e Video.

“Per la prima volta, una spedizione di montagna formata da un team dell’esercito indiano, ha trovato le misteriose tracce dello Yeti, la mitica bestia. Le orme misurano 81 per 38 centimetri”. Lo afferma un comunicato stampa dell’esercito indiano affermando che l’incredibile ritrovamento è avvenuto il 9 aprile 2019 nei pressi del campo base del Makalu in Himalaya.

La pubblicazione è stata accompagnata da tre foto a Monte Makalu che per l’esercito sono senza dubbio le impronte dello Yeti in una zona innevata, una linea retta di grandi tracce separate tra loro. I testimoni hanno specificato che il “misterioso uomo delle nevi” solamente si era visto in quel parco in passato senza fornire ulteriori dettagli.

Le impronte nella neve sono state trovate da un team del personale militare che il 2 aprile aveva iniziato la conquista del monte Makalu, la quinta vetta più alta del mondo con i suoi 8463 metri di altezza sul livello del mare, e cercano di culminare alla vitta nella seconda settimana di maggio.

Trovate prove esistenza dello Yeti sull'Himalaya, Foto e Video.

Mentre erano accampati a Langamale Kharka, a circa 4000 metri, i soldati hanno avvistato le grandi orme del presunto Yeti. “Il team ha raccolto abbastanza prove fotografiche e video, che saranno consegnate agli esperti del settore dopo il ritorno della spedizione”, ha detto la fonte militare.

La pubblicazione dell’esercito indiano è stata rapidamente condivisa sui social network, dove le risposte variano tra battute e fiducia nei militari. Il presunto avvistamento è stato ripreso anche dai media indiani.

Congratulazioni, siamo sempre orgogliosi di voi. Saluti al team di spedizione di montagna dell’esercito indiano. Ma, per favore, sono indiani, non chiamare lo Yeti una bestia. Mostrare rispetto per lui. Si può dire che è un pupazzo di neve”, ha scritto lo scrittore Tarun Vijay, vicino alla organizzazione estremista indù RSS. “Non potrebbe esserci una spiegazione più semplice?”, si è chiesto lo scrittore Siddharth Singh.

Nel 2007, un gruppo di esploratori di Nepal e Stati Uniti, aveva affermato di aver individuato tracce del leggendario uomo-scimmia durante una spedizione sull’Everest.

Una leggenda che è stata alimentata da una moltitudine di esploratori, tra cui il primo a raggiungere la vetta Everest nel 1953, Edmund Hillary e Tenzing Norgay Sherpa, che ha sostenuto di aver visto le sue impronte sulla montagna più alta del mondo.

Considerato un essere leggendario della mitologia del Tibet e Nepal, alcuni esperti collegano lo Yeti a una specie di orangotango che ha vissuto sui monti dell’Himalaya milioni di anni fa. Altri esperti lo collegano ad una specie di orso.