Video Simulazione di 4,5 miliardi di anni di evoluzione planetaria in 4 minuti

L’artista e scienziato informatico David A Roberts ha ricreato la storia di un pianeta simile alla Terra attraverso una simulazione al computer. Nel video pubblicato sul suo blog personale, [...] ..

Video Simulazione di 4,5 miliardi di anni di evoluzione planetaria in 4 minuti

L’artista e scienziato informatico David A Roberts ha ricreato la storia di un pianeta simile alla Terra attraverso una simulazione al computer. Nel video pubblicato sul suo blog personale, puoi vedere come l’oggetto planetario, che inizialmente è costituito da magma liquido, è ricoperto da uno strato solido. Quindi inizia il movimento delle placche tettoniche e compaiono i continenti. Alla fine, giorno e notte si alternano, il che permette di valutare, alla luce delle città, una civiltà che si è sviluppata in superficie. L’evoluzione planetaria riflessa nel video abbraccia 4,5 miliardi di anni, che è equivalente all’età della Terra.

Come ha spiegato Roberts al portale Vice mercoledì, l’idea è stata ispirata dal videogioco SimEarth, pubblicato nel 1990:

“Aveva una premessa davvero ambiziosa, di simulare pianeti simili alla Terra dalla creazione al lontano futuro, ma era piuttosto limitato dall”hardware’ del computer dell’epoca”.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Roberts ha deciso di ricreare l’idea di SimEarth a livello di tecnologia contemporanea. Per fare questo, ha scritto un programma speciale:

“In effetti, per prima cosa ho creato un minigioco, che ti permette di alterare interattivamente il terreno per vedere come influenza il clima e l’ecologia simulati. E poi ho creato la cronologia visiva che attraversa tutto automaticamente, come pensavo sarebbe stato un po’ più facile da consumare per le persone”.

L’artista vuole aggiungere la possibilità di cambiare i parametri iniziali e poi osservarne le conseguenze. A suo parere, ciò darebbe agli utenti “una comprensione intuitiva dei sistemi”. “Non ho raggiunto quel livello di interattività con questo progetto, ma forse lo seguirò in futuro”.