Trovano batteri che mangiano idrocarburi nel posto più profondo dell’Oceano

Un team di ricercatori britannici, russi e cinesi ha scoperto microrganismi che possono degradare gli idrocarburi nei sedimenti della Fossa delle...

Trovano batteri che mangiano idrocarburi nel posto più profondo dell'Oceano.

Un team di ricercatori britannici, russi e cinesi ha scoperto microrganismi che possono degradare gli idrocarburi nei sedimenti della Fossa delle Marianne, la depressione più profonda sulla Terra, riporta uno studio pubblicato venerdì sulla rivista Microbiome.

Prendendo campioni di acqua dal pozzo, a una profondità di quasi 11000 metri, è stato scoperto un nuovo tipo di batteri che può degradare gli alcani, un gruppo di idrocarburi presenti nel petrolio greggio e nel gas naturale. La proporzione di questi microrganismi è superiore a qualsiasi altra parte del pianeta, afferma lo studio.

Ma in aggiunta, quando si studia l’origine dei composti che nutrono questi microrganismi, i ricercatori sono stati sorpresi di identificare, nei sedimenti della fossa, idrocarburi di origine biologica. Questo suggerisce l’esistenza di una specie non ancora identificata, che li produce.

È la prima volta che i composti prodotti biologicamente si trovano in tali profondità

L’annuncio citato in un comunicato stampa dall’Università dell’East Anglia (UEA) dal Dr. Nikolai Pedentchouk, un membro del team. David Lea-Smith, ricercatore presso la stessa istituzione educativa, afferma che gli idrocarburi possono svolgere un ruolo importante in questo ecosistema unico. Quindi, presume che probabilmente aiutino i microbi a sopravvivere sotto l’enorme pressione esistente sul fondo della fossa e servano da cibo per altre specie di batteri. In ogni caso, dice, è necessaria più ricerca da parte di tutto questo ambiente.

Lo studio contribuisce ad ampliare le conoscenze sulla contaminazione antropogenica dell’oceano e sui meccanismi per la sua possibile reversione.

“L’identificazione dei microbi che producono questi idrocarburi è una delle nostre principali priorità. Così come la comprensione della quantità di idrocarburi rilasciata dall’attività umana in questo ambiente isolato”, dice il professor Xiao-Hua Zhang, della Oceanic University of Cina (Quingdao), che cita la dichiarazione.


Scritto da Redazione Breaking News, Aggiornato a domenica 14 Aprile 2019, Pubblicato in Scienza