Treno Maya avanza trascinando ecocidio ed etnocidio in Messico

Nonostante i tentativi di iniziare la costruzione del Treno Maya, il grande peso di un potenziale ecocidio ed etnocidio rimane ...

Treno Maya avanza trascinando ecocidio ed etnocidio in Messico.

Nonostante i tentativi di iniziare la costruzione del Treno Maya, il grande peso di un potenziale ecocidio ed etnocidio rimane destabilizzante per i binari. Il 2 giugno 2020, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador dà il segnale di partenza per la sezione 4 del treno Maya a Quintana Roo. La costruzione di questo megaprogetto è ufficialmente in corso e, nelle parole di Guadalupe Phillips (direttore ICA della compagnia che svilupperà una sezione del treno), questo “è un progetto ambizioso che cambierà il volto della regione (…)”, ma non sappiamo come.

Il boom economico è ed è stata la priorità rispetto ai rischi culturali e ambientali nel progetto Treno Maya. Tanto che Fonatur non ha nemmeno effettuato valutazioni ambientali per progetti infrastrutturali. Ma andiamo piano. Sin dal lancio del Treno Maya al fine di evitare una revisione ambientale, Fonatur ha presentato la costruzione come una “manutenzione esistente dei binari terrestri”.

Punto 1: Manutenzione o costruzione del treno Maya?

Nonostante il progetto preveda di raddoppiare i binari per aumentare il numero di treni, il progetto del governo messicano ha approfittato del binario costruito nel 1988 che non è soggetto alla legge generale di bilancio ecologico e protezione ambientale per non affrontare il problema dei rischi ambientali.

Fonatur ha pubblicato una nota esplicativa per descrivere la situazione. Il direttore dell’agenzia, Milardy Douglas Rogelia Jiménez Pons, ha assicurato che lo studio di impatto ambientale non era necessario perché il treno Maya segue i diritti di passaggio della vecchia ferrovia in alcune sezioni.

Allo stesso modo, è stato specificato che la priorità del progetto sono i benefici sociali, che “compensano l’impatto ambientale”. Certamente, la situazione è stata chiarita ed è stato rivelato che i benefici economici avrebbero vinto sopra ogni altra cosa.

Va notato che le azioni precedenti si riferiscono alle sezioni 1 Palenque-Escárcega, 2 Escárcega-Calkiní, 3 Calkiní-Izamal e 4 Izamal-Cancún, che hanno ricevuto la bandiera di partenza nel giugno 2020.

Gli ostacoli dopo la bandiera di inizio

Giorni dopo la bandiera di partenza una dichiarazione firmata dalle comunità Ch’ol de Palenque, Salto de Agua e Ocosingo è riuscita a ottenere la sospensione definitiva della sezione 1 del treno Maya (dal secondo giudice del distretto di Amparo e processi penali federali dello stato del Chiapas), sotto l’argomento dei rischi per la salute.

Fonatur ha esortato le aziende vincitrici della gara a interrompere tutto il lavoro che non corrisponde a un lavoro di manutenzione sui binari fino a quando il giudizio amparo non sarà risolto. Indica anche che verrà effettuata un’analisi e la sospensione sarà contestata.

Dopotutto, i lavori non saranno solo di manutenzione. Mentre la sospensione continua, Fonatur si è dedicato (ora sì) all’invio delle Manifestazioni di impatto ambientale a SEMARNAT per le sezioni 1, 2 e 3. Sicuramente, avrebbero dovuto arrivare molto prima della bandiera di partenza.

Le piste sono deragliate prima di una sospensione definitiva

Il cittadino che entra per analizzare la MIA corrispondente alla prima fase del sistema che include le sezioni da Palenque, Chiapas a Izamal, Yucatán, sarà in grado di trovare una singola pagina di informazioni.

Dopo che sono stati discussi gli studi idrologici, di fauna e di dinamica del suolo, nel documento non sono stati osservati dati scientifici o statistici, solo una leggenda che indica che “non verranno generati impatti negativi significativi che potrebbero influenzare il sistema ambientale. Sono proposte misure di mitigazione regionali e corrispondenti”.

Ma questo non è tutto, dal momento che se qualcuno è interessato a conoscere l’intero contenuto del MIA, è invitato a fare quanto segue: “La Manifestazione di impatto ambientale in modalità regionale è disponibile per coloro che sono interessati alla sede SEMARNAT e agli uffici delle delegazioni SEMARNAT negli Stati del Chiapas, Tabasco, Campeche e Yucatan.

Pertanto, se sei interessato a conoscere i rischi reali, devi recarti in uno di questi stati. In conclusione, l’agenzia proseguirà il progetto nonostante gli avvertimenti sull’impatto culturale e ambientale. Farà solo uno sforzo per mitigare i danni causati dal progetto. Nel frattempo, resta in sospeso l’accesso in attesa di studi ambientali completi sulla costruzione di questo megaprogetto.

Cade la facciata instabile del Treno Maya

All’inizio del progetto, il Presidente del Messico ha assicurato che nessun albero sarebbe stato rimosso dalla terra per la costruzione del megaprogetto. Oggi Fonatur afferma: “FALSO che 11000 alberi verranno abbattuti. La MIA contempla 6637 sulla sezione Palenque-Izamal. Ci saranno programmi di rimboschimento e azioni di mitigazione”.

Nel social network della dipendenza, si sottolinea che il Treno Maya è un progetto ecologicamente consapevole. Tuttavia, porta con sé dal profondo della sua pianificazione un potenziale ecocidio ed etnocidio dalla parte meridionale del paese.

Treno Maya avanza trascinando ecocidio ed etnocidio in Messico.

Parliamo di ecocidio perché di per sé il treno potrebbe rappresentare la distruzione ambientale di un’area. D’altra parte, parliamo di etnocidio perché alcune delle testimonianze delle comunità indigene esprimono che sono insoddisfatte.

Testimonianza di Chuun T’aan

“A volte abbiamo usato gli strumenti legali dello Stato per presentare le nostre richieste. A volte li abbiamo costretti a darci una risposta. Ma in cambio abbiamo ricevuto solo maltrattamenti e rinvii inutili, come adesso che ci fanno girare da una corte di tribunale all’altro. E questo non accade solo con la protezione che noi e altri popoli fraterni abbiamo messo contro il cosiddetto Treno Maya, ma succede sempre con tutto ciò che chiediamo”.

“Vuoi che iniziamo a parlare del cosiddetto treno Maya? Crediamo che sia tempo di sederci per parlarne. Non vale la pena dirci solo cosa è “buono” del treno, ma anche darci tutte le informazioni, inclusi i rischi e i pericoli, l’uso dei profitti del treno, il modo in cui entreremo nel suo funzionamento e amministrazione. Non vogliamo che, come le strade o la luce, come la deforestazione o la gestione delle risorse idriche, diventino un’azienda che continuerà a beneficiare solo della grande ricchezza di tutti i tempi. Per questo non contare su di noi. Ciò che vogliamo è un altro modo di relazionarci con lo Stato”.

Chuun T’aan* Maya dello Yucatan, 1 giugno 2020.