OMS: il Coronavirus non si trasmette via aerea

L'organismo mondiale della sanità conferma attraverso un rapporto che la mascherina per il viso non è un metodo di protezione efficace...

L’Organizzazione mondiale della sanità ha concluso che il coronavirus covid-19 non si diffonde a distanza nell’aria, ma è prodotto da goccioline che risultano sia dalla tosse che dallo starnuto. In questo modo, la trasmissione attraverso particelle sospese nell’aria è esclusa.

L’OMS ha valutato tutte le prove scientifiche disponibili finora, prima di pubblicare il rapporto che mostra che non ci contagiamo respirando per strada o in farmacia.

In precedenza, uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine sosteneva che il coronavirus poteva rimanere in aria per un massimo di 3 ore e 1/2 e fino a 3 giorni su superfici come plastica e acciaio inossidabile. L’OMS afferma che questo studio è stato condotto in condizioni che non coincidono con quelle reali causate da tosse o starnuti negli esseri umani.

Essere a meno di un metro da qualcuno con questi sintomi comporta il rischio di trasmissione, a causa dell’esposizione alle goccioline sospese nell’aria (dopo uno starnuto o un attacco di tosse), prima di cadere a causa della propria

gravità.

Un altro modo di contagio è quello di toccare qualsiasi superficie con cui una persona infetta è stata in contatto. Da qui l’insistenza dell’OMS sul lavaggio frequente delle mani, soprattutto dopo aver toccato una superficie in alcuni spazi pubblici.

L’Organizzazione mondiale della sanità sottolinea l’importanza di rendere le maschere disponibili per il personale sanitario, poiché il coronavirus si diffonde solo nell’aria in situazioni di trattamento.

La pandemia di coronavirus ha già causato la morte di oltre 37,780 persone in tutto il mondo (11,591 solamente in Italia), mentre oltre 784,381 sono stati infettati, secondo i dati della Johns Hopkins University (USA). Allo stesso modo, 165,035 pazienti sono guariti.