Alla ricerca del “non tempo”, chiave per la Creatività consigliata dalle Neuroscienze

Dalla scienza e dalla storia abbiamo imparato che organizzare bene la routine quotidiana è essenziale per il successo, ma concordano anche sul fatto che non abbiamo bisogno di abbastanza [...] ..

Alla ricerca del "non tempo", chiave per la Creatività consigliata dalle Neuroscienze

Dalla scienza e dalla storia abbiamo imparato che organizzare bene la routine quotidiana è essenziale per il successo, ma concordano anche sul fatto che non abbiamo bisogno di abbastanza “non c’è tempo” nella nostra vita quotidiana. In un nuovo articolo della rivista INC, specializzata in affari, viene spiegato in cosa consiste questa idea di cui hanno approfittato alcune famose personalità come Steve Jobs e Albert Einstein.

Di cosa si tratta?

Secondo Steven Kotler, autore del libro “The Art of the Impossible” e relatore TED, “non c’è tempo” è fondamentalmente un momento tranquillo da solo quando si è isolati dal rumore e dalle richieste del mondo, un’oscurità totale che non appartiene a nessuno tranne a noi stessi.

“Le preoccupazioni urgenti della giornata non sono ancora arrivate, quindi c’è tempo per quel lusso supremo: la pazienza”, spiega Kotler, secondo cui “nessun tempo” inizia alle quattro del mattino, quando inizia la sua sessione di scrittura mattutina, e termina alle 07:30, quando il resto del mondo si sveglia.

Secondo l’autore, le neuroscienze mostrano che i blocchi di tempo tranquillo e disconnessione hanno un effetto profondo sul nostro pensiero e sulla nostra creatività, mentre la pressione e lo stress “costringe il

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
cervello a concentrarsi sui dettagli, attivando l’emisfero sinistro e bloccando il quadro più ampio”.

In altre parole, “non c’è tempo” ci aiuta a rilassarci abbastanza da vedere il quadro generale e consentire alle idee innovative di emergere.

“Ingrediente essenziale” del successo

La rivista ricorda inoltre che “molte persone di incredibile successo hanno capito intuitivamente la stessa verità”. Tra gli esempi più famosi ci sono Albert Einstein, che ha insistito sul fatto che molte delle sue migliori idee gli sono venute mentre non faceva niente, e Steve Jobs, che “era anche un famoso barbone”.

“Ovviamente, entrambi i geni hanno fatto un lavoro incredibilmente duro per realizzare le loro idee”, qualifica l’articolo, sottolineando che “non c’è tempo” non è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per cambiare il mondo. Tuttavia, è un “ingrediente essenziale” da non trascurare quando si progetta la perfetta routine mattutina, se si vogliamo essere “la versione più creativa e vincente” di noi stessi.