Strage di renne nell’Artico, morte di fame per il cambiamento climatico

Circa 200 renne sono morte di fame nell’arcipelago norvegese delle Svalbard, nell’Artico, a causa dei cambiamenti climatici nella regione, secondo quanto [...]


Strage di renne nell'Artico, morte di fame per il cambiamento climatico.

Circa 200 renne sono morte di fame nell’arcipelago norvegese delle Svalbard, nell’Artico, a causa dei cambiamenti climatici nella regione, secondo quanto riferito dall’Istituto polare norvegese.

Durante la mappatura annuale della popolazione di renne selvatiche in questo gruppo di isole, situato a circa 1200 chilometri dal Polo Nord, tre ricercatori dell’Istituto Polar hanno registrato circa 200 cadaveri di renne quest’estate, che sono morti di fame lo scorso inverno.

Leggi  Attuale Cambiamento Climatico, fenomeno senza precedenti

Ashild Onvik Pedersen, capo del progetto census, vede in questo “alto tasso di mortalità” una conseguenza del cambiamento climatico, due volte più veloce nell’Artico che nel resto del mondo secondo i climatologi.

Il cambiamento climatico fa piovere molto di più. La pioggia cade sulla neve e forma una calotta glaciale nella tundra, il che rende le condizioni dell’erba per gli animali molto cattive”, ha detto ad AFP.

Strage di renne nell'Artico, morte di fame per il cambiamento climatico.

Le renne di solito si nutrono di licheni che trascina l’inverno attraverso la neve grazie ai loro zoccoli. Il gelo e il disgelo alternati possono invece formare uno o più strati di ghiaccio impenetrabile che li lasciano senza cibo.

Secondo Onvik Pedersen, c’era solo un tasso di mortalità comparabile, alla fine dell’inverno 2007-2008, da quando la popolazione di renne delle Svalbard ha iniziato ad essere censurata 40 anni fa.

Questa elevata mortalità è anche dovuta a un chiaro aumento nell’arcipelago norvegese del numero di renne, che lotta per le stesse praterie, ha affermato il ricercatore.

Secondo il Norwegian Polar Institute, il numero di renne alle Svalbard, un territorio due volte più grande del Belgio, è raddoppiato dagli anni ’80 per raggiungere attualmente i 22 mila esemplari.