Strage in Olanda a causa dell’intensa ondata di calore di Luglio

Quasi 3000 persone hanno perso la vita in Olanda tra il 22 e il 27 luglio, il mese più caldo ...

Strage in Olanda a causa dell'intensa ondata di calore di Luglio.

Quasi 3000 persone hanno perso la vita in Olanda tra il 22 e il 27 luglio, il mese più caldo della storia. Raggiunte temperature più alte per la prima volta in 120 anni, superando i 40 gradi Celsius.

Il numero totale di morti comprende quasi 400 vittime in più rispetto alla media in una settimana media nell’estate abituale, circa il 15 percento. L’ondata di caldo è stata breve, ma molto intensa, tra il 22 e il 27 luglio in tutto il territorio olandese.

Nel fare un confronto con le precedenti ondate di calore nel paese, nel 2006 e nel 2018, le autorità hanno indicato che quello registrato nella settimana 30 del 2019 si è sentito più nell’est del paese, con temperature più elevate per un maggior numero di ore al giorno, più giorni e più morti rispetto al resto dei Paesi Bassi.

Nella recente ondata di caldo di una settimana, la mortalità aggiuntiva si è verificata principalmente nelle persone di età pari o superiore a 80 anni, per raggiungere un totale di 1687, circa 300 in più rispetto a una settimana estiva media.

Il giorno più caldo è stato il 25 luglio, quando il termometro ha superato i 40°C nella parte orientale del paese.

Un record storico che è stato raggiunto nel periodo indicato in altre nazioni dell’Europa occidentale e quando era anche più caldo del normale in Alaska, Groenlandia, con disgeli allarmanti e Siberia. La temperatura in Germania ha fatto segnare 42,6°C, in Belgio 41,8°C, in Lussemburgo 40,8°C e nel Regno Unito 38,7°C, simili a quelli percepiti in Francia e Spagna.

Lo scorso luglio è stato considerato il mese più caldo dalla storia, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) sulla base dei dati di Copernicus, il programma di osservazione della Terra guidato dalla Commissione europea.