Stop vendita sigarette ai nati dopo il 2004

La Nuova Zelanda sta studiando una serie di misure antifumo che includono il divieto di vendita di sigarette a persone nate dopo il 2004 come parte di un piano [...] ..

Stop vendita sigarette ai nati dopo il 2004 in Nuova Zelanda.

La Nuova Zelanda sta studiando una serie di misure antifumo che includono il divieto di vendita di sigarette a persone nate dopo il 2004 come parte di un piano per raggiungere una nazione “senza fumo” entro il 2025.

Con il nome di Action Plan Smokefree Aotearoa 2025, le autorità prevedono di approvare una significativa riduzione del livello di nicotina consentito nel tabacco e di stabilire restrizioni sui luoghi in cui le sigarette possono essere vendute. Inoltre, stanno studiando l’aumento graduale dell’età legale per fumare e infine vietare la vendita di sigarette a chiunque sia nato dopo il 2004.

Nuova Zelanda “senza fumo” entro il 2025

Lo scopo dell’iniziativa è di eliminare gradualmente l’uso del tabacco nel paese nei prossimi anni, creando una Nuova Zelanda “senza fumo” entro il 2025. Il Ministero della Salute ha spiegato che mentre i tassi di fumo sono diminuiti nell’ultimo decennio, “c’è ancora molto da fare ”, in particolare per ridurre i consumi tra “i Maori, i popoli del Pacifico e coloro che vivono nelle nostre comunità più svantaggiate”.

Le autorità sanitarie hanno invitato i cittadini a fornire suggerimenti sul piano d’azione, che è stato formalmente pubblicato giovedì. I neozelandesi avranno tempo fino al 31 maggio per condividere le loro valutazioni prima che l’iniziativa entri nella prossima fase di diventare legge. Il viceministro della Salute, Ayesha Verrall, ha affermato che il governo vuole sentire dalla popolazione e dalle aziende coinvolte quali misure potrebbero essere praticabili per ridurre ulteriormente il tasso di fumo nel Paese:

“Circa 4500 neozelandesi muoiono ogni anno a causa del tabacco e dobbiamo muoverci rapidamente per raggiungere questo obiettivo. Fare gli affari come al solito, senza il programma di controllo del tabacco, non ci porterà lì”.

Nel frattempo, vari esperti hanno avvertito che limitare le vendite di tabacco farebbe fallire i proprietari dei negozi e che le restrizioni potrebbero alimentare un mercato nero non regolamentato.