Sindrome di Stendhal, se avessi paura della bellezza delle opere d’arte

La bellezza di un’opera d’arte può spesso risvegliare in noi sentimenti profondi. Vedere una scultura può trasmettere tristezza, tranquillità, gioia o persino solitudine. Ma ci sono individui molto sensibili [...] ..

Sindrome di Stendhal, se avessi paura della bellezza delle opere d'arte

La bellezza di un’opera d’arte può spesso risvegliare in noi sentimenti profondi. Vedere una scultura può trasmettere tristezza, tranquillità, gioia o persino solitudine. Ma ci sono individui molto sensibili che possono essere colpiti molto più fortemente dall’arte, soffrono di un disturbo noto come “sindrome di Stendhal“.

Sì, è lo stesso pseudonimo usato da Henri-Marie Beyle, il noto autore del romanzo “Rosso e nero”. La storia della sindrome in realtà è iniziata con lui, ma ha continuato ad espandersi quando il mondo ha iniziato a notare che la debolezza fisica all’arte non era un evento isolato, ma un evento ripetitivo.

Perché gli è stato dato un nome simile?

Per comprendere la sindrome di Stendhal è necessario conoscere un po’ la storia che l’ha resa nota. Tutto è iniziato con un altro dei racconti scritti da Stendhal nell’Ottocento: “Roma, Napoli e Firenze”, noto anche come “Napoli e Firenze: un viaggio da Milano a Reggio”.

All’interno della sua storia, Stendhal racconta un’immagine di vertigini, tachicardia e sudorazione che gli è venuta quando ha visitato la Basilica di Santa Croce a Firenze, in Italia. Secondo le sue parole, la sensazione era tale da costringerlo a lasciare l’edificio per riprendersi.

Dopo quel primo evento, registrato nel 1817. Altre vicende simili furono mostrate nel tempo all’Ospedale Santa Maria Nuova di Firenze.

“Graziella Magherini […] ha assistito negli anni alla ricorrenza di alcuni tipi di pazienti trattati per sintomi simili”, ha detto il dottor Fabio Camilletti a Medical News Today.

Questa preoccupazione è iniziata nel 1979, quando l’esperto in psichiatria ha osservato il numero crescente di casi di turisti che presentavano sintomi simili dopo aver visitato spazi o opere d’arte a Firenze.

Solo dopo che lo psichiatra Magherini ha messo gli occhi sulla faccenda si è stabilito che non si trattava di casi isolati, ma piuttosto manifestazioni dello stesso problema: la sindrome di Stendhal. Questo termine è stato anche coniato dal medico, che ha preso la scrittura del romanziere come la prima testimonianza scritta di tale condizione.

In totale, la Dott.ssa Magherini si è imbattuta in 106 casi di ‘sindrome di Stendhal’ che ha raccolto, tipizzato e successivamente pubblicato in un libro dal titolo ‘La sindrome di Stendhal’ (1989). Dopo la sua definizione, i casi osservati della sindrome hanno continuato ad apparire.

Cos’è esattamente la sindrome di Stendhal?

Ora che sappiamo un po’ della sua storia, è più facile per noi capire cos’è la sindrome di Stendhal. In parole povere, è una condizione caratterizzata da un’esagerata reazione psicosomatica a un’opera d’arte particolarmente bella.

Da quando è stata registrata dal Dr. Magherini, la definizione della sindrome non è cambiata molto. Quindi è stato caratterizzato da dettagli molto semplici: 1) provocando una reazione psicologica e fisica che provoca disagio e debolezza nella persona; 2) per essere (apparentemente) una condizione che capita solo ai turisti; E 3) per essere una reazione che suscita solo davanti all’arte creata dall’uomo.

“(…), la sindrome di Stendhal può essere definita come la risposta psicosomatica [mentale e fisica] sperimentata di fronte alla bellezza estetica ma non alla bellezza naturale: la bellezza come costruzione [umana], cioè arte”, ha riassunto il dott. Camilletti.

Esempi storici famosi

Alcuni dei più noti sono stati quelli accaduti ad altre grandi personalità, come raccolti da Leonardo Palacios-Sánchez e dai suoi colleghi in una recensione storica pubblicata sulla rivista Scielo Brasil.

“La storia ci parla di molti personaggi famosi che potrebbero aver manifestato sintomi compatibili con la sindrome di Stendhal. Tra questi, lo psicoanalista Sigmund Freud ha scritto di gravi sentimenti di alienazione e spersonalizzazione durante la visita all’Acropoli di Atene6, e lo scrittore Fëdor Dostoevsky ha sperimentato una grave paralisi e assenza di fronte a Le Christ mort au tombeau di Hans Holbein a Basilea, in Svizzera”.

Allo stesso modo, i ricercatori hanno anche ristretto il modo in cui era evidente che gli europei erano più suscettibili alla sindrome rispetto alle loro controparti nordamericane, asiatiche o latinoamericane. Questo si basava esclusivamente sulla revisione della nazionalità di coloro che avevano subito episodi di panico o disagio causati dalla sindrome di Stendhal.

Come si manifesta la sindrome di Stendhal?

L'urlo di Edvard Munch via Wikimedia Commons.

Ora, i sintomi della sindrome di Stendhal, sebbene si muovano in un campo comune, sono più estesi e si sono arricchiti con il tempo. In primo luogo, alcuni dei sintomi comuni di coloro che soffrono della condizione includono:

  • Tachicardia
  • Frequenza cardiaca elevata
  • Vertigine
  • Vertigini
  • Confusione
  • Tremori
  • Palpitazioni
  • Astenia (affaticamento generale o debolezza)
  • Stanchezza
  • Diaforesi (eccessiva sudorazione)
  • Disorientamento
  • Lui è annegato
  • Dolore al petto
  • Pressione toracica
  • Visione sfocata.

Da parte sua, la sindrome si presenta anche con una componente emotiva che può risvegliare nelle persone sentimenti intensi come gioia o tristezza. Allo stesso modo, è addirittura in grado di scatenare episodi di delirio e allucinazioni, oltre a scatenare ansia e stress in modo incontrollato. Secondo le osservazioni del Dr. Magheruni, in tutti i casi i sintomi sono iniziati improvvisamente e sono durati tra i due e gli otto giorni.

Tipologie

Allo stesso modo, grazie alle sue prime analisi, la Dott.ssa Magherini è riuscita anche ad identificare tre tipi di sindrome di Stendhal in base alla frequenza con cui si manifestavano.

  1. Disturbi del pensiero (66% dei casi).
  2. Disturbi affettivi predominanti (29% dei casi).
  3. Angoscia e panico (5% dei casi).

Nel gruppo A vi erano individui che manifestavano un’alterazione nella percezione dei suoni e dei colori, sommata a sentimenti di ansia, colpa o persecuzione. D’altra parte, in B c’erano coloro che sperimentavano un’emotività estrema, che si trattasse di ansia depressiva o sentimenti di euforia e onnipotenza. Il tutto a mano con una perdita del proprio criterio della realtà.

Infine, il gruppo C era costituito da coloro che avevano direttamente attacchi di panico legati a manifestazioni fisiche di disagio, come la pressione sul petto. Allo stesso modo, coloro che appartenevano a quest’ultimo gruppo hanno riferito anche svenimenti, episodi di tachicardia e sintomi di disautonomia. Cioè da un malfunzionamento dei nervi che regolano le funzioni non volontarie del corpo.

Esiste veramente la sindrome di Stendhal?

Oggi, dopo la presentazione della Dott.ssa Magherini, restano i dubbi sull’esistenza della sindrome di Stendhal. Ad esempio, uno studio del 2014, pubblicato sulla Rivista di Psichiatria, ha concluso che non c’erano prove sufficienti per considerarla ancora una patologia.

Da parte sua, anche l’attuale edizione del “Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali” (DSM-5) non elenca la “sindrome di Stendhal” nelle sue pagine. Per questo, almeno ufficialmente, non è ancora pienamente riconosciuto.

Tuttavia, altre indagini, come il caso studio pubblicato su BJM Case Reports nel 2009, hanno raccontato la storia di un uomo di 72 anni che da anni manifestava i sintomi della sindrome di Stendhal, il tutto dopo aver fatto un viaggio a Firenze e aver visitato il Ponte Vecchio – davanti al quale ha avuto un attacco di panico.

Allo stesso modo, altri studi come quello condotto nel 2011 dal Dr. Tomohiro Ishizu e pubblicato su PLOS ONE, hanno stabilito una relazione tra l’aumento dell’attività cerebrale e la sensazione di piacere quando si guardano le opere d’arte. Un dettaglio che, indirettamente, mostra che la sindrome di Stendhal può essere possibile e svilupparsi con una reazione cerebrale esagerata a uno stimolo.


Riferimento:

  • Stendhal syndrome: Origin, characteristics and presentation in a group of neurologists (2010) Neurología (English Edition).
  • Stendhal syndrome: a clinical and historical overview. Síndrome de Stendhal: una revisión histórica y clínica (2018) Scielo Brasil.
  • Stendhal’s Syndrome (2010) British Journal of General Practice.
  • [The Stendhal syndrome between psychoanalysis and neuroscience] (2014) Rivista di Psichiatria.
  • Toward A Brain-Based Theory of Beauty (2011) Plos ONE.
  • Stendhal syndrome: a case of cultural overload (2009) BMJ Case Reports.