Serie Netflix ricostruisce il più grande Millepiedi mai esistito sulla Terra

Arthropleura, il millepiedi gigante che viveva sulla Terra 300 milioni di anni fa. Gli scienziati hanno ricostruito questa creatura estinta e ne hanno svelato le caratteristiche straordinarie...

millepiedi gigante serie Netflix Life on Our Planet

Gli autori della serie Netflix “Life on Our Planet”, che hanno consultato gli scienziati, hanno creato un’impressionante ricostruzione di un millepiedi gigante che viveva sulla Terra 300 milioni di anni fa. Un nuovo video mostra un millepiedi maschio estinto chiamato Arthropleura che striscia attraverso un’antica foresta in cerca di una compagna.

Gli scienziati scoprirono per la prima volta i resti fossili del millepiedi 170 anni fa. Queste creature grandi quanto un’auto vissero tra 359 e 299 milioni di anni fa sul nostro pianeta nell’attuale Gran Bretagna, Europa continentale e Nord America.

5 anni fa, gli scienziati hanno scoperto uno scheletro quasi completo di Arthropleura, fornendo una migliore comprensione dell’anatomia dell’antica creatura. Questi dati sono serviti come base per la ricostruzione effettuata dagli scienziati delle università di Leicester e Bristol nel Regno Unito.

Il più grande millepiedi mai esistito sulla Terra

Secondo gli scienziati, la creatura estinta era lunga circa 2,6 metri e larga 0,5 metri, e pesava circa 50 kg. Si ritiene che sia stato il più grande millepiedi mai esistito sulla Terra.

Più di 300 milioni di anni fa, quando viveva Arthropleura, i livelli di ossigeno sulla Terra erano molto più alti di adesso. A quel tempo, il pianeta era dominato da artropodi giganti, così come da altri enormi insetti, come libellule delle dimensioni di uccelli e scarafaggi giganti lunghi fino a

10 cm. Gli enormi livelli di ossigeno potrebbero aver contribuito a far sì che i millepiedi raggiungessero dimensioni così enormi.

Gli scienziati ritengono che gli antichi millepiedi, come i loro discendenti moderni, fossero quasi ciechi. La maggior parte dei millepiedi moderni ha occhi laterali, che forniscono solo una visione di base così limitata che la maggior parte è in grado di misurare i livelli relativi di luce e oscurità. Arthropleura ha lo stesso tipo di occhi, quindi gli scienziati ritengono che fosse anche praticamente cieco.

Per quanto riguarda i colori del guscio dell’antico millepiedi, i ricostruttori li hanno attenuati rispetto a quelli dei suoi discendenti moderni. Secondo i ricercatori, questi animali hanno bisogno di un colore più brillante per spaventare i predatori, mentre Arthropleura non aveva predatori conosciuti.