Scoprono enigmatiche sequenze di DNA: Borg assorbono geni da organismi estranei

Le acque sotterranee, i sedimenti e i suoli delle zone umide, così come il cortile di una casa in California, negli Stati Uniti, ospitano varie sequenze di DNA che [...] ..

Scoprono enigmatiche sequenze di DNA: Borg assorbono geni da organismi estranei

Le acque sotterranee, i sedimenti e i suoli delle zone umide, così come il cortile di una casa in California, negli Stati Uniti, ospitano varie sequenze di DNA che i genetisti non sono stati in grado di attribuire a nessuna classe nota di organismi.

Secondo un nuovo studio ancora in attesa di revisione, alcuni di questi tratti di materiale genetico sono stati trovati per caso, altri a seguito della ricerca intenzionale, ma tutti comprendono frammenti dei genomi appartenenti a diversi batteri o archaea, una classe primitiva di organismi unicellulari che fanno a meno sia del nucleo sia dell’ossigeno nel loro metabolismo.

Tuttavia, le molecole a doppio filamento trovate sono troppo grandi per appartenere agli archaea, quindi i ricercatori hanno confrontato i geni al di fuori della loro specie con i personaggi della serie immaginaria Star Trek, chiamati “Borgs“, un gruppo di umanoidi alieni che combinano il sintetico con il biologico per migliorare le proprie capacità fisiche e mentali.

Il team dell’Università della California a Berkeley ha proposto proprio quel nome per designare gli elementi extracromosomici, ha spiegato in una recente dichiarazione il microbiologo e primo autore dello studio, Basem al Shayeb. Secondo l’esperto, tutti questi tipi di risultati erano “molto strani perché non sembravano un virus, un plasmide o un minicromosoma“.

Da parte sua, un altro autore principale, Jillian Banfield, ha scritto su Twitter che “non è né vivo né morto che assimila e condivide geni importanti’. In questo senso, ha assicurato di aver trovato “qualcosa di enigmatico” che è “correlato al genoma microbico”.

Fu lei a trovare il primo lotto dei “Borg” nel fango del cortile di casa sua. Quel DNA consisteva di circa un milione di paia di basi, quei nodi presenti nei doppi filamenti di materiale genetico. Più della metà dei geni erano nuovi e il resto era noto agli specialisti, cosa che si è ripetuta nei campioni successivi. Alla fine di ogni filamento di DNA, i geni avevano l’ordine inverso: una caratteristica legata alla capacità di autoreplicazione, presente nei virus.

“Non abbiamo potuto dimostrare che fossero virus primitivi, plasmidi o piccoli cromosomi, né abbiamo potuto dimostrare che non fossero virus”, ammettono i ricercatori. Inoltre, hanno scoperto che non possono far crescere queste molecole in condizioni di laboratorio.

Dato questo scenario, il team si è concentrato sui geni simili di alcuni microbi che in natura ossidano il metano, un gas serra. Pertanto, stimano gli autori, questa funzione dei “Borg” potrebbe essere utile per ridurre la quantità di metano nell’atmosfera.