Scienziati scoprono Batteri “invisibili” al nostro Sistema Immunitario

Come ben sappiamo, i nostri organismi sono dotati di propri sistemi di difesa progettati per tenerci al sicuro da minacce microscopiche provenienti dall’ambiente. Fino ad ora, abbiamo considerato che, [...] ..

Scienziati scoprono Batteri "invisibili" al nostro Sistema Immunitario

Come ben sappiamo, i nostri organismi sono dotati di propri sistemi di difesa progettati per tenerci al sicuro da minacce microscopiche provenienti dall’ambiente. Fino ad ora, abbiamo considerato che, almeno in modo primitivo, i nostri corpi erano in grado di riconoscere qualsiasi minaccia e di agire contro di essa. Ora, una recente ricerca potrebbe cambiare la situazione rivelando nuovi tipi di “batteri invisibili” che il nostro sistema immunitario non riconosce.

Lo studio che ha portato questa possibilità al tavolo è stato recentemente pubblicato su Science Immunology. I ricercatori spiegano come il loro studio dell’oceano profondo li abbia portati a scoprire vari tipi di microbi che il nostro sistema immunitario non è in grado di riconoscere.

Ciò che prospera in nostra assenza

La caratteristica che ha portato i ricercatori a studiare particolarmente questi organismi in primo luogo è stata il loro luogo di origine. Si tratta del mare profondo dell’area protetta delle Isole della Fenice. Come è noto, questo è un santuario marino nelle cose della nazione insulare di Kiribati. La riserva ha le dimensioni dell’intero stato della California ed è considerata il più grande e profondo patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Isole della Fenice Kiribati

Per queste caratteristiche, la vita che abita le sue profondità ha avuto la possibilità di crescere ed evolversi senza l’intervento dell’uomo. Quindi, molte delle sue creature sono ancora da classificare e questo, in generale, i suoi abitanti sono pieni di sorprese per noi. In questo caso, la scoperta di questi batteri e il loro successivo studio hanno portato i ricercatori a notare che erano praticamente “invisibili” al nostro sistema immunitario. In altre parole, che non era in grado di reagire o difendersi contro di loro quando venivano a contatto con l’organismo.

Il nostro sistema immunitario non ha riconosciuto i nuovi batteri

Il campionamento è durato circa tre settimane e si è verificato durante il 2017. I batteri gram-negativi sono stati analizzati dopo esseri stati raccolti con il veicolo telecomandato, SuBastian. Successivamente, i ricercatori hanno testato come potevano interagire con il sistema immunitario dei mammiferi. Ma, con sua sorpresa, la risposta è che non c’è stata alcuna interazione.

Nell’ambito del loro esperimento, hanno lavorato con 50 diversi ceppi batterici esposti a cellule umane e murine.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
Alla fine dei test, il sistema immunitario aveva eliminato i “batteri invisibili” almeno l’80% delle volte. Di conseguenza, è stato osservato che questi microbi non sembravano attivare la risposta immunitaria del corpo, poiché le cellule non li riconoscevano come una minaccia.

Perché questi batteri sono invisibili al nostro sistema immunitario?

Finora, questo dettaglio non è chiaro. Per ora, la ricerca è stata solo in una fase iniziale che ha rivelato la rara mancanza di ricerca tra nuovi agenti patogeni e il sistema immunitario. In altre parole, in futuro saranno necessarie ulteriori ricerche per capire cosa rende questi batteri “invisibili” al sistema immunitario.

Questi “batteri invisibili” potrebbero essere pericolosi per noi?

No. Sebbene siano per lo più invisibili al sistema immunitario, non siamo davanti ad un rischio reale di contagio con questi batteri. Tutto perché questi microrganismi si sono evoluti per sopravvivere in ambienti freddi, bui e ad alta pressione. La superficie è lontana dall’offrire queste condizioni, quindi non possono prosperare qui.

Ora, questo non implica che i ricercatori possano o debbano lavorare senza preoccupazioni. Sebbene questi batteri non possano sopravvivere in superficie, ciò non implica che altri agenti patogeni non ancora scoperti non possano farlo.

Pertanto, è necessario che questo tipo di indagine venga svolto con estrema cura. Poiché, come indicano gli scienziati, non è noto quali tipi di microbi o agenti patogeni sconosciuti potrebbero essere trovati nelle missioni di esplorazione in aree come l’Artico o l’oceano profondo.


Fonte: “Deep-sea microbes as tools to refine the rules of innate immune pattern recognition” [Link a Science Immunology]