Quali rischi comporta partorire in spiaggia al mare

Dopo che un video di un parto in mare è diventato virale, molte persone si sono chieste se questo processo potesse comportare rischi per la madre e il bambino. [...] ..

Quali rischi comporta partorire in spiaggia al mare

Dopo che un video di un parto in mare è diventato virale, molte persone si sono chieste se questo processo potesse comportare rischi per la madre e il bambino.

Il caso che riportiamo è quello di Josy Peukert, 37 anni, che ha deciso di avere il suo quarto figlio nell’Oceano Pacifico.

Lei e il suo partner, Benni Cornelius, 42 anni, hanno condiviso l’esperienza con il mondo in un video pubblicato su Instagram. Il parto è avvenuto sulle spiagge di Playa Majagual, in Nicaragua, dove è nato il bambino senza alcun tipo di assistenza medica.

Josy decise che voleva un parto in mare e aveva studiato i rischi ei benefici del processo. La madre voleva che il suo bambino nascesse in questo modo perché medici e ostetriche si tolgono ciò che il corpo femminile può fare da solo.

Viste le condizioni della giornata, e che Josy aveva iniziato il travaglio, la coppia ha deciso di andare in spiaggia per il parto. La coppia ha preparato una cassetta degli attrezzi per il momento. Il kit includeva asciugamani, un contenitore con un setaccio per raccogliere la placenta, garze e tovaglioli di carta.

Il nome del bambino è Bordhi, è nato senza complicazioni, pesava 3,5 kg e sembra essere in buona salute.

Rischi di parto in spiaggia al mare

Ultimamente alcune donne decidono di effettuare nascite non assistite perché lo considerano un modo più naturale di partorire. Secondo Doula UK, questo tipo di parto è anche chiamato libero. Questo si riferisce alla scelta di partorire in casa o altrove senza l’assistenza di un operatore sanitario. Gli operatori sanitari considerano queste pratiche rischiose, sia per la madre che per il bambino.

Nel caso del parto in acqua o in mare, molte persone difendono il processo alludendo che è meno traumatico per il neonato e per la madre, ma ha anche dei rischi.

Gli esperti avvertono dei pericoli di annegamento nei bambini durante il processo di nascita. Mentre c’è chi riferisce sui rischi di infezione nella madre e nel neonato durante il processo.

Un caso noto riguardava un bambino nato in una vasca idromassaggio in Texas, ma morto 19 giorni dopo a causa di una malattia respiratoria. Questo neonato ebbe la sfortuna di contrarre il morbo dei legionari a seguito del parto in acqua.

La malattia del legionario è un tipo di polmonite che si diffonde inalando goccioline d’acqua con i batteri che causano la malattia. È particolarmente rischioso per i neonati perché hanno un sistema immunitario che si sta appena sviluppando.

Avvertimento degli esperti

Gli specialisti affermano che i rischi del parto in acqua possono aumentare in base alla fase del travaglio. I principali rischi sono associati all’ingresso di microrganismi e alle successive infezioni.

Per tutto ciò che è stato detto, è importante chiarire che il rischio di esposizione a malattie nei neonati è molto alto e, come abbiamo visto, alcune di queste possono essere fatali.