Regno neo-assiro associato ai cambiamenti climatici

Un team internazionale di ricercatori ha collegato l’ascesa e la caduta del Nuovo Regno Assiro, uno degli imperi del mondo antico, con i cambiamenti del clima. Secondo una ricerca pubblicata ...

Regno neo-assiro associato ai cambiamenti climatici.

Un team internazionale di ricercatori ha collegato l’ascesa e la caduta del Nuovo Regno Assiro, uno degli imperi del mondo antico, con i cambiamenti del clima. Secondo una ricerca pubblicata su Science Advances, l’apogeo e la cattura dei paesi vicini da parte degli Assiri coincisero con il periodo umido, e il crollo dell’impero con una siccità prolungata.

Lo stato assiro è emerso nella Mesopotamia settentrionale (attuale territorio del nord Iraq) circa 4,5 mila anni f: è esistito per più di duemila anni. In diversi periodi della loro storia, entrambi occupavano solo il territorio della regione del fiume Tigri e si estendevano dal Mar Mediterraneo al Golfo Persico.

L’Assiria raggiunse l’apice negli ultimi tre secoli della sua esistenza. I sovrani del Nuovo Regno assiro o Regno Neoassiro (link) conquistarono con successo gli stati vicini. Durante il periodo di maggior potere, a metà del VII secolo aC, l’impero si estese dall’Anatolia centrale al Golfo Persico. L’Assiria catturò l’Egitto, il Levante e la parte settentrionale della penisola arabica.

Quando gli Assiri conquistarono nuovi territori, spostarono parte degli abitanti al centro del paese, più vicino alla capitale e alle altre città provinciali. Gli invasori costruirono anche nuove strade e sistemi di irrigazione che consentirono alle persone di popolare le steppe aride precedentemente disabitate e di sviluppare l’agricoltura lì. Di conseguenza, una rete di piccoli insediamenti rurali e grandi città nelle province apparve nel paese. Ma per i successivi 60 anni, il nuovo regno assiro perse tutte le sue conquiste e cessò di esistere.

Le ragioni della caduta dell’impero

Gli storici ritengono che le ragioni della caduta dell’impero siano state i conflitti politico-militari interni, le guerre civili e la guerra con i Medi e i Babilonesi. Ora, ricercatori statunitensi e cinesi guidati da Ashish Sinha dell’Università della California, hanno suggerito che il cambiamento climatico avrebbe potuto far crollare lo stato assiro. La siccità a lungo termine è stata in grado di minare l’economia dello stato agricolo e di svolgere un ruolo nel crollo dell’impero.

Per testare la loro ipotesi, gli scienziati hanno esaminato le formazioni a strisce nella grotta di Kuna Be, che si trova a 300 chilometri a sud-est della capitale del nuovo regno assiro di Ninive. Hanno analizzato la proporzione di isotopi di carbonio (δ13C) e di ossigeno (δ18O) in due strisce formate negli ultimi quattromila anni (gli autori hanno misurato la loro età usando il metodo uranio-torio).

Il rapporto tra gli isotopi di ossigeno nell’acqua della caverna e il loro confronto con il livello di isotopi nell’acqua raccolta nelle vicinanze, hanno consentito di ricostruire il clima e stimare l’umidità dell’aria e la quantità di precipitazioni nel momento in cui sono comparsi i conflitti. I valori di δ13C, a loro volta, indicano il livello di vegetazione in generale e quali piante sono cresciute in quest’area.

Le piante possono legare con il carbonio in una delle tre forme e, in base alla proporzione di isotopi del carbonio, si può determinare in quale di queste.

Un cambiamento climatico

Si è scoperto che, durante l’esistenza del regno neo-assiro nella regione di Ninive, i periodi aridi e umidi si sostituirono. L’espansione dell’impero nel 930-730 aC coincise con un periodo di clima umido, che durò intorno al 925-725. E tra gli anni 850 e 740 le piogge in questa zona sono diminuite del 15% -30% rispetto alla fine del 20° secolo. Tra il 675 e il 550 aC, una grave siccità continuò a Ninive e nei dintorni. Questo, a sua volta, coincise con il crollo dell’impero.

Regno neo-assiro associato ai cambiamenti climatici.

Come gli altri stati della Mesopotamia, il regno neo-assiro era un paese agricolo. La loro agricoltura dipendeva dalle piogge invernali o dai sistemi di irrigazione costruiti dai conquistatori. Una delle aree i cui abitanti dipendevano dalla pioggia era il centro dello stato in cui si trovava Ninive.

Nei periodi di pioggia, qui venivano raccolti grandi raccolti, il che consentiva di mantenere un esercito e catturare i territori vicini. Le steppe aride erano situate a sud, dove l’agricoltura poteva essere sviluppata solo se esistessero impianti di irrigazione.

Secondo gli autori dello studio, il clima umido nell’Assiria originale (che gli scienziati moderni collocano convenzionalmente tra Ninive e le due antiche città di Ashur e Arbela) permise al Nuovo Regno assiro di intensificare e catturare le regioni aride vicine.

Il risultato inevitabile

Dopo che il tempo è diventato arido, è diventato molto più difficile nutrire i residenti locali e 4,5 milioni di residenti di altre nazioni, che furono deportati nel centro dello stato. Apparentemente, questa accresciuta instabilità politica nel paese e aggravato le contraddizioni tra gli assiri e le popolazioni conquistate, come i medi e i babilonesi.

In precedenza, si riteneva che la caduta della civiltà Maya nei secoli IX-X della nostra era fosse dovuta a una lunga siccità. Molte città furono abbandonate e gli abitanti apparentemente si trasferirono al nord.