Progetto Proteus: Versione subacquea della Stazione Spaziale con Fabien Cousteau

L’oceanografo francese Fabien Cousteau, nipote dell’esploratore oceanico Jacques-Yves Cousteau, vuole costruire la versione subacquea della Stazione Spaziale Internazionale. Il progetto ...

Versione subacquea della Stazione Spaziale con Fabien Cousteau.

L’oceanografo francese Fabien Cousteau, nipote dell’esploratore oceanico Jacques-Yves Cousteau, vuole costruire la versione subacquea della Stazione Spaziale Internazionale.

Il progetto noto come Proteus – dal nome del dio del mare nella mitologia greca – sarà situato a circa 18 metri di profondità, in un’area marina protetta al largo delle coste di Curaçao, un’isola dei Paesi Bassi nei Caraibi.

Con una superficie di 371 metri quadrati, la costruzione spera di ospitare un massimo di dodici persone che contribuiscono alla ricerca della vita marina.

Versione subacquea della Stazione Spaziale con Fabien Cousteau.

La stazione sottomarina avrà una stanza principale, laboratori, un’area di produzione e trasmissione video, e una serra idroponica che consentirà ai ricercatori di consumare “cibo fresco”, ha detto Cousteau a Forbes spiegando il progetto.

L’azienda responsabile del progetto, Fuseproject, spiega sul suo sito web che Proteus sarà attaccato al fondo dell’oceano da gambe progettate per adattarsi al terreno variabile e che

la capsula più grande della stazione sarà destinata a una piscina lunare, che consentirà agli esploratori di uscire in acqua.

Il nipote di Jacques-Yves Cousteau cerca di costruire una versione subacquea della Stazione Spaziale Internazionale.

Per ora, Cousteau sta cercando finanziamenti per il progetto, che costerà circa 135 milioni di dollari, inclusi i primi tre anni di funzionamento.

Al termine, richiederà circa 3 milioni di dollari di finanziamento all’anno per funzionare, che sarà pagato dalle università e dalle agenzie governative che conducono ricerche presso la stazione.

“Sono solo un pazzo con un sogno”, ha detto Fabien, che considera il progetto “assolutamente necessario” per il benessere futuro.