Primo Vaccino Nasale Covid-19: test anti-Coronavirus in Australia

Una singola dose, efficace al 100% e applicabile a casa: questo è il vaccino nasale che sta per essere testato sull'uomo in Australia...

Primo Vaccino Nasale Covid-19: test anti-Coronavirus in Australia

Sebbene il primo vaccino contro COVID-19 sia stato applicato quasi 5 mesi fa, c’è ancora molta strada da fare per ottenere l’immunità di gregge in tutto il mondo. Alla diseguale distribuzione dei vaccini tra i paesi ricchi (che monopolizzano più dosi di quelle che possono applicare alla popolazione) e le nazioni che non hanno nemmeno immunizzato il personale sanitario, si aggiungono le difficoltà logistiche per vaccinarne il maggior numero possibile.

Questo scenario mostra che, ad eccezione di Israele e degli Stati Uniti, nessun paese raggiungerà l’immunità di gregge nel resto del 2021 e solo pochi lo faranno nei prossimi tre anni. Tuttavia, lo sviluppo della prossima generazione di vaccini COVID-19 potrebbe accelerare radicalmente questo processo.

Questo è il vaccino nasale che protegge contro COVID-19

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, cinque tipi di vaccini nasali contro COVID-19 sono attualmente in fase di sviluppo in tutto il mondo. La maggior parte lavora con un vettore di adenovirus geneticamente modificato, che suscita una risposta immunitaria in grado di neutralizzare SARS-CoV-2 e prevenirne la replicazione e l’infezione.

Primo Vaccino Nasale Covid-19: test anti-Coronavirus in Australia

Alla fine di aprile 2021, la società australiana Avance Clinical ha avviato le procedure per ottenere i permessi necessari che le consentano di avviare la sperimentazione clinica di fase 1 sull’uomo di un vaccino nasale sviluppato dalla società farmaceutica americana Tetherex Pharmaceuticals Corporation.

Un “segno di spunta” su COVID-19 e le sue varianti

La più grande differenza tra i vaccini intramuscolari e lo sviluppo di un vaccino nasale sta nella capacità di quest’ultimo di spezzare la catena delle infezioni e prevenire la trasmissione del virus. Spiega Smithsonian Magazine:

“Con uno spray nel naso, i vaccini nasali viaggerebbero attraverso il tratto respiratorio superiore, incoraggiando il corpo a produrre anticorpi protettivi lì. In caso di successo, questa risposta immunitaria neutralizzerebbe il virus in arrivo prima di far ammalare una persona e garantirebbe che nessun virus vivo fuoriesca quando si espira, si tossisce o si starnutisce”.

E mentre tutti i vaccini COVID-19 sviluppati finora hanno una capacità vicina al 100% di prevenire malattie gravi che causano ospedalizzazione e morte, non è ancora del tutto chiaro se possono bloccare completamente la trasmissione del virus.

Da qui l’importanza di realizzare un vaccino nasale efficace contro COVID-19: se il virus non è in grado di penetrare nella mucosa, non solo sarà impossibile replicarsi e provocare malattie, ma anche le porte verranno chiuse per causare infezioni e quindi tagliare subito la catena del contagio. Se la catena del contagio si interrompe, le possibilità che il virus si trasformi in nuove varianti diminuiscono drasticamente.

Una volta autorizzate le sperimentazioni cliniche sull’uomo, verranno effettuate da giugno a settembre, con più di mille adulti dai 18 ai 55 anni e dovranno seguire lo stesso iter per dimostrare la loro sicurezza ed efficacia delle altre vaccinazioni sviluppate fino al momento. Tuttavia, se i test determinano la sua vitalità, la seconda generazione di vaccini contro COVID-19 potrebbe mettere il nuovo coronavirus sotto controllo.