Primo gatto clonato in Cina

Quando Huang Yu fu devastato dopo la morte della sua gattina britannica di 2,5 anni di nome Garlic, sapeva che ...

Primo gatto clonato in Cina.

Quando Huang Yu fu devastato dopo la morte della sua gattina britannica di 2,5 anni di nome Garlic, sapeva che c’era solo una cosa da fare: averne un’altra esattamente iguale. Cue Sinogene, un’azienda di clonazione di animali domestici con sede a Bejing che ha già clonato più di 40 cani, tra cui il primo cane poliziotto al mondo.

Le tecniche di clonazione di cellule somatiche di specie animali sono una tecnologia relativamente nuova e alcune sfide persistono quando si creano cloni felini. Ma erano all’altezza della sfida.

“Le caratteristiche riproduttive e fisiologiche dei gatti sono diverse da quelle della maggior parte degli animali. Poiché i gatti non sono animali da ovulazione spontanei, sono uno dei pochi animali che inducono l’ovulazione”, ha dichiarato il veterinario Shi Zhensheng in una nota.

“Il loro ciclo riproduttivo è speciale e le tecniche di clonazione sono difficili. L’operazione è ingombrante. Questa coltivazione di successo di gatti clonati è uno dei pochi casi di successo al mondo, che segna il passo più importante della Cina nel campo della clonazione“.

Dopo quasi un anno di sforzi, gli scienziati sono stati in grado di trasferire un embrione a un gatto sostitutivo che aveva il gattino in sviluppo per 66 giorni. Garlic 2.0 è nato il 21 luglio 2019 da una nascita naturale e la sua genetica è completamente derivata dalle cellule somatiche del Garlic defunto.

Il comportamento del gatto clonato

Gli scienziati affermano di aver osservato il nuovo Garlic per quasi un mese e hanno riferito che è in buone condizioni fisiche: non agisce diversamente dai gattini allevati naturalmente.

La procedura ha avuto un prezzo di 250.000 yuan (35 mila dollari americani), riferisce l’agenzia France-Presse. Yu dice che valeva la pena recuperare il suo amico felino defunto, o almeno una sua versione.

“Il suo nome rimarrà Garlic perché nel mio cuore ho sempre pensato che il gattino clonato fosse la continuazione della sua vita”, ha detto in un’intervista alla compagnia di clonazione. Anche se gli mancherà il suo gatto originale che è morto per una malattia non identificata, un nuovo gatto con gli stessi geni gli dà conforto.

“Penso che l’intenzione originale di ciascun proprietario di clonare i propri animali domestici sarà diversa. Ogni gatto è un individuo indipendente e ha una sua personalità”, ha detto Yu. L’anno scorso, oltre 22 milioni di residenti cinesi hanno allevato circa 40 milioni di gatti domestici, secondo il team di clonazione di animali domestici.

Se anche solo una parte di loro è disposta a spendere decine di migliaia di dollari per sostituire i loro amici a quattro zampe, l’industria della clonazione di animali domestici potrebbe presto essere particolarmente redditizia.