Prima volta: esseri umani messi in letargo artificiale

I chirurghi americani hanno immerso una persona in uno stato di letargo artificiale. Come riportato da New Scientist, il sangue del paziente è stato completamente sostituito da una soluzione salina ...

Prima volta: esseri umani messi in letargo artificiale

I chirurghi americani hanno immerso una persona in uno stato di letargo artificiale. Come riportato da New Scientist, il sangue del paziente è stato completamente sostituito da una soluzione salina fredda. Questo metodo consente di risparmiare tempo per un intervento chirurgico di emergenza con grave perdita di sangue e arresto cardiaco. Tuttavia, non è ancora noto se il paziente sia stato operato con successo.

Quello che dovresti sapere

L’ibernazione (o ipobiosi) di solito significa un rallentamento dei processi fisiologici nel corpo. Gli animali lo usano per sopravvivere a una stagione avversa come l’inverno. Allo stesso tempo, la temperatura corporea può scendere a zero gradi. Tuttavia, in questo stato, gli animali non possono esistere per molto tempo e il loro letargo è intervallato da periodi di “risveglio” fisiologico quando vengono riscaldati dall’interno.

Ibernazione artificiale con animali

Poiché nessuno ci ha provato, non è ancora noto se sia possibile immergere una persona in quello stato, o quanto possa rimanere lì senza un rischio per la salute. Finora, gli scienziati hanno sperimentato solo mammiferi. Per ottenere l’effetto del letargo, il sangue degli animali è stato completamente sostituito da una soluzione salina fredda tra 10 e 15 gradi. In questo momento, il lavoro di molti organi, incluso il cervello, si è fermato.

Dopo l’operazione, gli animali sono stati riscaldati e il loro stesso sangue è stato restituito. Un team di medici di una scuola di medicina dell’Università del Maryland ha testato questo metodo sui suini e ha scoperto che possono sopravvivere fino a tre ore di letargo, dopo di che possono tornare alla vita normale.

Prova sugli umani?

I ricercatori hanno da tempo dichiarato la loro intenzione di testare questo metodo nell’uomo e alcuni medici hanno già ricevuto l’approvazione della FDA (e sono stati persino autorizzati a selezionare i pazienti senza consenso informato).

Prima volta: esseri umani messi in letargo artificiale

Questa è una misura giustificata: le persone che potrebbero aver bisogno di un letargo entrano in ospedale in stato di incoscienza e non possono dare il proprio consenso.

Allo stesso tempo, è una questione di vita o di morte, poiché i medici in questa situazione hanno solo pochi minuti per stabilizzare le condizioni del paziente e meno del 5% sopravvive dopo una tale situazione. L’ibernazione dovrebbe aumentare il tempo necessario per salvare il paziente fino a due ore.

I medici hanno pianificato di testare il loro metodo in 10 pazienti. Come gruppo di controllo, avrebbero utilizzato 10 persone che sono state ricoverate in ospedale al di fuori dell’orario di lavoro per questo gruppo di turno e, quindi, sarebbero state gestite da altri medici secondo il protocollo standard. I medici hanno pianificato di presentare i risultati dei test alla fine del 2020.

I primi casi

Durante una conferenza alla New York Academy of Sciences, Samuel Tisherman ha dichiarato che il suo team di medici ha eseguito la prima operazione su un paziente in uno stato di letargo (animazione sospesa).

Tisherman non ha specificato esattamente quanti pazienti erano già stati sottoposti a questo test e non ha parlato delle conseguenze dell’operazione. Tuttavia, ha sostenuto che il suo team è riuscito a immergere il paziente in uno stato di letargo, che ha sorpreso piacevolmente i ricercatori stessi.

Conclusioni

È troppo presto per parlare dei risultati dell’esperimento, ma è già noto dove aspettarsi problemi. Le colture cellulari a volte hanno sviluppato lesioni quando sono tornate in vita. I ricercatori non possono ancora dire nulla sulle sue cause, ma hanno già capito che più a lungo la cellula eroga ossigeno, più reazioni chimiche con prodotti tossici iniziano dopo la sua fornitura.

Se i primi test sull’uomo hanno esito positivo, i medici dovranno scegliere farmaci in grado di ridurre al minimo il danno del “riscaldamento”.