Il Potere guaritivo della Parola, riprogrammare il DNA

La parola, insieme al potere della vibrazione, è in grado di creare, guarire e anche distruggere. In questo modo possiamo riprogrammare il nostro DNA....

Il Potere guaritivo della Parola, riprogrammare il DNA.

La teoria indica che quando focalizziamo la nostra mente su qualcosa, e a questo aggiungiamo il sentimento e l’emozione per esprimerla finalmente, stiamo esternalizzando e materializzando un potere che influenzerà i regni della materia.

Quello che dici al tuo simile, lo dici a te stesso

Se ognuno di noi fosse consapevole del fatto che l’energia rilasciata in ogni parola influisce non solo a chi ci stiamo rivolgendo, ma anche a noi stessi e sul mondo che ci circonda, inizieremmo a preoccuparci di più di ciò che diciamo.

Gli antichi Esseni sapevano dell’esistenza di un enorme potere contenuto nella frase, nel verbo e nella parola. Alfabeti antichi come il sanscrito, l’aramaico e la lingua ebraica sono fonti di potere in sé. Gli esseni hanno usato l’energia che canalizza il linguaggio – che era la manifestazione finale di pensiero, emozione e sentimento – per manifestare in realtà la qualità della vita che volevano sperimentare in questo mondo.

Nelle culture dell’antico Oriente, i mantra, le preghiere, i canti e le preghiere venivano usati con un’intenzione prestabilita come tecniche per materializzare stati e programmi interni, precedentemente ignorati da noi, precedentemente pensati, desiderati e affermati nella realtà.

“Gli Esseni furono un gruppo ebraico di incerta origine, nato forse attorno alla metà del II secolo a.C. e organizzato in comunità monastiche. Erano comunità isolate e conducevano una vita eremitica o cenobitica” – Wikipedia.

Gli studi dei fisici quantistici iniziano a riscoprire e convalidare la vasta conoscenza dimenticata delle antiche culture ancestrali. Una conoscenza che è ancora nascosta e dimenticata e che ci darebbe il potere di cambiare il nostro mondo.

La parola può riprogrammare il DNA

L’ultima ricerca scientifica russa suggerisce che il DNA può essere influenzato e riprogrammato da parole e frequenze, senza sezionare o sostituire singoli geni. Solo il 10% del nostro DNA viene utilizzato per costruire proteine, e questa piccola percentuale del totale che costituisce il DNA è ciò che i ricercatori occidentali studiano. L’altro 90% è considerato “DNA spazzatura”. Tuttavia, i ricercatori russi, convinti che la natura non sia stupida, hanno riunito linguisti e genetisti – in uno studio senza precedenti – per esplorare quel 90% di “DNA spazzatura”.

I risultati hanno portato a conclusioni impensabili

Secondo gli studi, il nostro DNA non è solo responsabile della costruzione del nostro corpo, ma serve anche come deposito di informazioni e per la comunicazione su vasta scala in biologia. I linguisti russi hanno scoperto che il codice genetico, specialmente nel 90% apparentemente inutile, segue le stesse regole di tutte le nostre lingue umane.

Hanno confrontato le regole di sintassi (il modo in cui le parole sono unite per formare frasi e frasi), la semantica (lo studio del significato del linguaggio) e le regole grammaticali di base, e hanno quindi scoperto che gli alcali del nostro DNA seguono una grammatica regolare: hanno regole fisse, proprio come le nostre lingue.

Pertanto, le lingue umane non sono apparse per coincidenza, ma sono un riflesso del nostro DNA intrinseco. Anche il biofisico russo e biologo molecolare Pjotr ​​Garjajev e i suoi colleghi, hanno esplorato il comportamento vibratorio del DNA:

“I cromosomi vivi funzionano come computer solitonici / olografici che utilizzano radiazioni laser da DNA endogeno”.

Ciò significa che si possono semplicemente usare parole e frasi dal linguaggio umano per influenzare o riprogrammare il DNA.

Gli antichi maestri spirituali e religiosi sanno da migliaia di anni che i nostri corpi possono essere programmati attraverso il linguaggio, le parole e il pensiero. Adesso è stato anche dimostrato e spiegato scientificamente.

La più grande sorpresa è stata scoprire come il 90% di “Junk DNA” immagazzina le informazioni. Stiamo parlando del DNA non codificante (noncoding DNA).

Garjajev ce lo spiega in questo semplice modo: “Immagina una biblioteca che invece di archiviare migliaia di libri mantiene l’alfabeto comune a tutti i libri, quindi quando richiedi informazioni da un certo libro, l’alfabeto raccoglie tutto sulle sue pagine e ce lo mette a disposizione”. Questo apre le porte a un mistero ancora più grande: che la vera “biblioteca” sarebbe al di fuori dei nostri corpi in un posto sconosciuto nel cosmo e che il DNA sarebbe in comunicazione permanente con questo serbatoio universale di conoscenza.

La prova inaspettata

Il ricercatore Dan Winter, che ha sviluppato un programma per computer per studiare le onde sinusoidali emesse dal cuore in risposta emotiva. In una fase della ricerca con i suoi colleghi, Fred Wolf e Carlos Suárez, ha analizzato le vibrazioni della lingua ebraica con uno spettrogramma.

Ciò che scoprirono fu che i pittogrammi che rappresentavano i simboli dell’alfabeto ebraico corrispondevano esattamente alla figura che costituisce la lunghezza d’onda del suono di ogni parola.

In altre parole, la forma di ogni lettera era la figura esatta che formava quella lunghezza d’onda quando vocalizzata.

Hanno anche verificato che i simboli che compongono l’alfabeto sono rappresentazioni geometriche. Nel caso dell’alfabeto ebraico, i 22 grafici usati come lettere sono 22 nomi propri originariamente usati per designare diversi stati o strutture di una singola energia cosmica sacra, che è l’essenza e la parvenza di tutto ciò che è. Il libro della Genesi, ad esempio, è scritto in questa lingua.

Le lettere degli antichi alfabeti sono forme strutturate di energia vibrazionale che proiettano forze caratteristiche della struttura geometrica della creazione. In questo modo, con il linguaggio puoi sia creare che distruggere. L’essere umano aumenta il potere contenuto negli alfabeti aggiungendo il potere della propria intenzione. Ciò ci rende direttamente responsabili dei processi creazionali o distruttivi della vita, e con solo l’uso della parola!

Il potere guaritivo della parola

C’è un’abilità dimostrata in cui il linguaggio può influenzare la programmazione del DNA. La salute potrebbe essere preservata indefinitamente se ci concentriamo su pensieri, sentimenti, emozioni e parole creativi e ben intenzionate.

Gli studi del Heart Math Institute aprono un nuovo panorama per la guarigione, non solo per gli esseri umani malati, ma anche per la guarigione planetaria. L’istituto crede nell’esistenza di quella che chiamavano “iper-comunicazione”, una sorta di rete Internet in base alla quale tutti gli organismi viventi sarebbero collegati e comunicati, consentendo l’esistenza della cosiddetta “coscienza collettiva“.

La Hearth Math dichiara che se tutti gli esseri umani fossero consapevoli dell’esistenza di questa matrice di comunicazione tra gli esseri viventi e lavorassero sull’unificazione dei pensieri con obiettivi comuni, saremmo in grado di raggiungere risultati impensabili, come l’improvvisa inversione di processi climatici avversi.

Il potere delle preghiere e delle petizioni, come gli antichi Esseni ci hanno lasciato in eredità – alimentato da migliaia di persone – ci accorderebbe un potere che supererebbe quello di qualsiasi potere militare che volesse imporci la sua volontà con la forza.

I delfini interagiscono con le reti energetiche del pianeta.

Questo potere è stato dimostrato in specie animali come i delfini, che lavorano insieme su obiettivi comuni. I delfini usano schemi geometrici di iper-comunicazione, ultrasuoni e risonanza che servono per interagire con le reti energetiche del pianeta. Questi animali possiedono la capacità di produrre strutture sonore geometriche e armoniche sott’acqua. Potremmo affermare che i delfini aiutano di più a mantenere l’equilibrio planetario degli umani.

🧡 Se Dio ci ha dato potere, significa che ci vuole, una volta raggiunto un certo livello di coscienza (rispetto alla vita), come co-creatori del suo lavoro.