Infestazione di Locuste: Africa orientale si prepara alla terza devastante invasione

L’Africa orientale è sull’orlo di una terza piaga di locuste che minaccia importanti scorte di cibo del raccolto invernale. L’Africa ...

Piaga Locuste: Africa orientale si prepara alla terza devastante invasione.

L’Africa orientale è sull’orlo di una terza piaga di locuste che minaccia importanti scorte di cibo del raccolto invernale. L’Africa orientale è già stata devastata da una serie di infestazioni di locuste del deserto negli ultimi mesi. Tra gennaio e aprile, in Etiopia sono stati distrutti qualcosa come 1,3 milioni di ettari di terra e 200 mila ettari di colture. Si teme che la stagione secca e le condizioni di siccità forniscano il terreno fertile ottimale per gli insetti in tempo per il prossimo raccolto.

Dopo essersi moltiplicate per milioni, le locuste emergono durante la stagione delle piogge monsoniche per provocare il caos. L’organizzazione regionale dell’Africa orientale ha scoperto che fino a 350.000 tonnellate di cereali erano stati distrutti dalle locuste tra gennaio e aprile. A febbraio, la Somalia ha dichiarato una “emergenza nazionale” dopo che uno sciame mortale ha decimato la vegetazione vitale.

Kenneth Kemucie Mwangi del programma di monitoraggio del clima dell’Intergovernmental Authority (IDAG) ha dichiarato: “Fino a quando non avremo ampliato i numeri, direi solo che l’Etiopia era sicuramente la più colpita in termini di terreni agricoli, dopo la Somalia“.

Piaga Locuste: Africa orientale si prepara alla terza devastante invasione.

Cyril Ferrand, un esperto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), con sede a Nairobi, ha sottolineato la portata del problema, insistendo sul fatto che centinaia di miliardi di locuste sono già state uccise nella regione. Ha detto che “tra gennaio e metà maggio circa 400 mila ettari sono stati controllati nella regione.

Stimiamo che siano state uccise 400 miliardi di locuste.

Si teme che la prossima ondata sia proprio dietro l’angolo dopo che il ministero dell’Agricoltura della Namibia ha detto mercoledì che le locuste stavano arrivando dal Botswana e dallo Zambia. Le autorità hanno tentato di controllare eventuali focolai schierando squadre di controllo dei parassiti nelle aree colpite.

Tuttavia, i video condivisi dal ministero mostravano spesse nuvole di insetti che volavano in basso sui terreni agricoli nella regione centrale di Otjozondjupa.

Le grandi specie di cavalletta sono facilmente identificabili dalle loro ali rosso brillante. Le Nazioni Unite (ONU) stimano che uno sciame di locuste può contenere tra 40 e 80 milioni di insetti. Uno sciame in quelle quantità è in grado di digerire la stessa quantità di cibo in un giorno di tre milioni di persone.

Secondo il National Geographic, ogni locusta del deserto può mangiare tutto il suo peso corporeo in un giorno, quindi un tale sciame decimerebbe 423 milioni di libbre di raccolti. Il continente è già stato scosso dalle preoccupazioni economiche nel corso della crisi globale COVID-19, che ha avuto un effetto importante sulle catene di approvvigionamento.

La Banca mondiale ha già cercato di compensare il declino finanziario e ha iniettato 405 milioni di sterline (500 milioni di dollari) in un programma per aiutare i paesi vulnerabili alla fame in Africa orientale.