Fiume artico contaminato da oltre 20 mila tonnellate di gasolio

Un fiume all’interno del circolo polare artico è diventato rosso dopo un incidente industriale: il fiume è stato inondato da ...

L'Artico ha subito la peggiore catastrofe ecologica.

Un fiume all’interno del circolo polare artico è diventato rosso dopo un incidente industriale: il fiume è stato inondato da oltre 20.000 tonnellate di gasolio nell’ambiente circostante.

La fuoriuscita di carburante è avvenuta il 29 maggio dopo un incidente in un impianto di proprietà di una divisione di Nornickel, il più grande produttore mondiale di nichel e palladio, vicino alla città siberiana di Norilsk.

Secondo le autorità russe, gli inquinanti hanno rapidamente raggiunto il fiume Ambarnaya a circa 12 chilometri dall’impianto, mentre nel territorio adiacente sono state rilevate 800 tonnellate di gasolio, la fuoriuscita è spostata dalla corrente dei fiumi Daldykan e Ambarnaya, che forniscono acqua al bellissimo lago Pyasino e poi incontrano il mare di Karskoye.

Grazie agli sforzi di tutti i partecipanti coinvolti nella bonifica della fuoriuscita di carburante nei pressi di Norilsk, il servizio di salvataggio della Marina federale ha installato barriere petrolifere prima che la fuoriuscita raggiungesse il lago Pyasino.

L’Artico ha subito la peggiore catastrofe ecologica.

Ad ogni modo, si prevede che le acque e il suolo circostanti di Norilsk rimarranno contaminati per decenni. Un contenimento efficace non significa che gli elementi tossici non siano stati introdotti nell’acqua del lago poiché gli elementi più velenosi del gasolio sono composti aromatici come benzene, toluene, etilbenzene, xilene, che si mescoleranno in modo massiccio con acqua e non possono essere raccolti con semplici barriere di petrolio.

Nornickel ha dichiarato che la fuoriuscita è stata causata da “un crollo improvviso dei supporti del serbatoio di stoccaggio”. L’impianto è situato in un’area costruita con permafrost, che si è sciolta a causa del riscaldamento globale.

Effetto catastrofico: Il gasolio è più tossico del petrolio.

È molto probabile che l’incidente possa avere un effetto catastrofico sulla fauna selvatica locale e influire sulla salute di pesci, uccelli e mammiferi selvatici che vivono nella zona.

Il gasolio è più tossico del petrolio, e al momento le circostanze sembrano così enormi che non possiamo aspettarci un livello efficiente di pulizia senza contributi dal livello federale”, ha dichiarato Alexey Knizhnikov, capo del

Programma di responsabilità ambientale aziendale al WWF-Russia.

Il presidente russo Vladimir Putin non era contento della situazione. Le autorità russe hanno scoperto l’incidente solo due giorni dopo che è iniziato attraverso immagini che si stavano diffondendo sui social media.

Putin ha dichiarato lo stato di emergenza federale per far fronte alla situazione. Sono stati inoltre avviati tre procedimenti penali contro il personale dell’impianto industriale con l’accusa di deterioramento del suolo, contaminazione dell’acqua e violazione delle norme di protezione ambientale.