Passaporto Vaccinale: minaccia la privacy dei nostri dati?

Non è un segreto per nessuno che la pandemia COVID-19 abbia cambiato il nostro stile di vita. In questo periodo abbiamo trasformato le nostre case in uffici, in palestre, [...] ..

Passaporto Vaccinale: minaccia la privacy dei nostri dati?

Non è un segreto per nessuno che la pandemia COVID-19 abbia cambiato il nostro stile di vita. In questo periodo abbiamo trasformato le nostre case in uffici, in palestre, abbiamo anche imparato a condividere con i nostri cari e conoscenti senza coinvolgere molto il contatto fisico. In conseguenza di questa situazione, al settore farmaceutico è stato affidato il compito di sviluppare antigeni che servano ad affrontare questo male.

In effetti, alcuni governi hanno preso in considerazione l’idea di implementare un nuovo documento sanitario noto come passaporto vaccinale. Tuttavia, la sua esecuzione sta generando molte polemiche.

Oltre a rendere più facile per le persone viaggiare da un paese all’altro, questo documento potrebbe diventare uno strumento di discriminazione sociale? I sistemi dietro i passaporti dei vaccini garantiscono la riservatezza dei nostri dati? Cerchiamo di chiarire un po’ questo tema.

Cos’è un Passaporto Vaccinale?

Un passaporto per le vaccinazioni non è altro che un documento che convalida che una persona è immune al COVID-19. Oltre a ciò, la sua attuazione può portare a un sistema sociale “a due livelli”, in cui le persone vaccinate hanno più libertà di altre.

Portare in pratica questo documento ti garantirebbe di poter viaggiare e riunirti con i tuoi cari senza timore di contrarre o diffondere il virus. Oltre a rispettare le normative sanitarie del paese che visiti.

Allo stesso modo, la sua attuazione potrebbe sostituire il certificato internazionale di vaccinazione noto come cartellino giallo. Sarebbe anche una rappresentazione più moderna di esso, poiché registrerebbe non solo il vaccino contro COVID-19, ma anche gli antigeni del passato.

Quali rischi comporta l’emissione di un documento di vaccinazione?

In precedenza abbiamo commentato che essere portatori di un passaporto per le vaccinazioni ci dà alcune libertà nei confronti di coloro che non sono stati vaccinati. Tuttavia, la sua emissione suscita anche preoccupazione, poiché i nostri dati potrebbero essere condivisi con terze parti. Ciò causerebbe l’accesso alle nostre cartelle cliniche e ai dati personali da parte di istituzioni non autorizzate.

Telefono con interfaccia app che indica se sei immune a COVID-19

Ad esempio, negli Stati Uniti, in particolare nella città di Filadelfia, è avvenuta una partnership tra il governo statale e l’organizzazione Philly Fighting. Ciò ha permesso agli abitanti della regione di ricevere il vaccino contro COVID-19, dopo essersi registrati sul sito web dell’azienda e aver fornito nome, data di nascita, indirizzo e occupazione.

Tuttavia, la situazione è cambiata quando si è scoperto che Philly Fighting poteva vendere “i dati di pre-registrazione raccolti dal suo sito web”, poiché erano cambiate anche le sue politiche sulla privacy. A questo proposito, l’avvocato senior della Electronic Frontier Foundation Adam Schwartz ha commentato:

“In tutto il paese, vediamo i governi e i loro appaltatori privati ​​raccogliere gran parte dei nostri dati relativi a COVID-19, spesso con garanzie di privacy insufficienti. Questo è un male per gli sforzi di salute pubblica, che dipendono dalla fiducia del pubblico… Bisogna fare di più per proteggere le nostre informazioni private”.

Passaporto Vaccinale: in Europa “digital green pass”

Ora, dall’altra parte del mondo, l’Unione Europea sta studiando la possibilità di rilasciare un passaporto vaccinale noto come “digital green pass”, che convalida che la persona è immune al coronavirus. Il documento includerebbe tre sezioni informative. Oltre ad essere presentato in un formato fisico, digitale e altro tramite un codice QR.

La prima sezione include dati personali come nome, ID, sesso e data di nascita. La seconda sezione registra le informazioni riguardanti il ​​vaccino inoculato, ad esempio: nome generico e commerciale, dose somministrata, nonché la frequenza con cui viene eseguita. È anche possibile rintracciare l’entità responsabile dell’applicazione del vaccino. E nella terza divisione, le informazioni riguardanti l’emittente del certificato.

In questo caso, aziende come iProov e Mvine hanno collaborato per sviluppare un documento di immunità compatibile con l’approccio di questa regione, dove solo il personale sanitario ha accesso alle informazioni.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

CommonPass per ottenere un passaporto vaccinale di livello mondiale

Quanto detto prima chiarisce che non esiste un documento standard sull’immunità, dal momento che farlo non è un compito facile. Questo perché i paesi devono raggiungere un consenso su quali dati dovrebbero condividere e cosa non dovrebbero.

Telefono vicino a un rilevatore di codici QR

In considerazione di questa situazione, sono emerse nuove alleanze, come quella dell’organizzazione svizzera “The Commons Project”, del World Economic Forum e della Fondazione Rockefeller. Queste istituzioni hanno sviluppato CommonPass. È un software che fornisce alle persone un modo sicuro per documentare il proprio stato di salute durante i viaggi da un paese all’altro.

Sebbene questa piattaforma sia in fase di test, ha la capacità di valutare se i record di vaccinazione della persona provengono da una fonte affidabile. Questo perché la documentazione che supporta il passaporto del vaccino può essere falsificata. Sono stati infatti segnalati casi di produzione e vendita online di certificati di prova con risultati falsi.

Allo stesso modo, convalida che il documento soddisfi i requisiti sanitari del paese in cui si desidera entrare. Quanto ai dati, questi restano sotto il controllo del titolare del documento.

Queste app sono davvero sicure?

Fino ad ora, gli sviluppatori dietro questi tipi di applicazioni hanno indicato che i dati degli utenti sono al sicuro. Questo perché usano la crittografia tramite blockchain. Pertanto, le informazioni sono crittografate end-to-end. Le informazioni verrebbero anche salvate nella memoria del nostro dispositivo, non nel cloud o su qualsiasi server. Tuttavia, altri considerano che è possibile decrittografarli.

Se possibile, questo creerebbe una finestra per gli hacker in cui tentare di violare i nostri dati. O tramite e-mail di phishing o smishing (tramite messaggi di testo). Consentirebbe persino al governo di rintracciare il luogo in cui si trovano i suoi cittadini, oltre a raccogliere dati su di loro.

Inoltre, se queste informazioni sono aperte a terzi, altre persone potrebbero conoscere la storia medica della vittima. Ad esempio, il caso del Brasile, dove un errore nel sistema sanitario ha rivelato i dati di oltre 200 milioni di persone. In una situazione simile, cosa succede se scopri che qualcuno vicino a te è infetto da HIV? Sebbene le persone infette non trasmettano questo virus con il semplice contatto fisico, continuano a essere denigrate.

In questa situazione, molte persone potrebbero essere riluttanti a fornire i propri dati alle agenzie incaricate della gestione dei passaporti dei vaccini. Dopotutto, il documento dovrebbe solo affermare se sei immune o meno a COVID-19. Quindi l’implementazione di questo tipo di documento è una buona idea?