NASA: Cambiamento Climatico causato dalla modifica dell’orbita solare terrestre

NASA ammette che i cambiamenti climatici si verificano a causa dei cambiamenti nell’orbita solare terrestre e non a causa dei ...

NASA: Cambiamento Climatico causato dalla modifica dell'orbita solare terrestre.

NASA ammette che i cambiamenti climatici si verificano a causa dei cambiamenti nell’orbita solare terrestre e non a causa dei SUV e dei combustibili fossili.

Per più di 60 anni, la National Aeronautics and Space Administration (NASA) ha saputo che i cambiamenti che si verificano ai modelli meteorologici planetari sono completamente naturali e normali. Ma l’agenzia spaziale, per qualsiasi motivo, ha scelto di far persistere e diffondere la bufala del riscaldamento globale creata dall’uomo, a scapito della libertà umana.

Era l’anno 1958, per essere precisi, quando la NASA osservò per la prima volta che i cambiamenti nell’orbita solare della terra, insieme alle alterazioni dell’inclinazione assiale della terra, erano entrambi responsabili di ciò che gli scienziati del clima oggi hanno soprannominato “riscaldamento” (o “raffreddamento“, a seconda della loro agenda). In nessun modo gli esseri umani riscaldano o raffreddano il pianeta guidando SUV o mangiando carne, in altre parole.

Il silenzio della NASA sulle cause del cambiamento climatico

Ma finora la NASA non è riuscita a mettere le cose in chiaro. Ha invece scelto di sedersi in silenzio e guardare si diffondono le notizie nel mondo: la razza umana presumibilmente finirà in 12 anni a causa del troppo bestiame o troppe cannucce di plastica.

Nel 2000, la NASA ha pubblicato informazioni sul suo sito web dell’Osservatorio della Terra (Earth Observatory website) sulla teoria del clima di Milankovitch (Milankovitch Climate Theory), rivelando che il pianeta sta, infatti, cambiando a causa di fattori estranei che non hanno assolutamente nulla a che fare con l’attività umana. Ma, ancora una volta, questa informazione deve ancora diventare mainstream, circa 19 anni dopo. Motivo per cui gli ambientalisti, ossessionati dal clima, hanno ora iniziato a sostenere che ci rimangono davvero solo 18 mesi prima che il pianeta muoia per un eccesso di anidride carbonica (CO2).

Teoria del clima di Milankovitch

La verità, tuttavia, è molto più simile a quella dell’astrofisico serbo Milutin Milankovitch, da cui prende il nome la teoria del clima di Milankovitch.

La sua teoria spiega come le variazioni stagionali e latitudinali della radiazione solare che colpiscono la terra in modi diversi e in momenti diversi, hanno il maggiore impatto sui mutevoli cambiamenti climatici della Terra.

Le due immagini seguenti (di Robert Simmon, GSA della NASA) aiutano a illustrare ciò.La prima che mostra la terra a un’orbita quasi zero, e la seconda che mostra la terra a un’orbita di 0,07. Questo cambiamento orbitale è rappresentato dall’eccentrica forma ovale nella seconda immagine, che è stata intenzionalmente esagerata allo scopo di mostrare il massiccio cambiamento di distanza che si verifica tra la terra e il sole, a seconda che si tratti di perielio o afelio.

“Anche la massima eccentricità dell’orbita terrestre – 0,07 – sarebbe impossibile mostrarlo alla risoluzione di una pagina web”, osserva Hal Turner Radio Show. “Anche così, con l’attuale eccentricità di 0,017, la Terra è 5 milioni di chilometri più vicina al Sole al perielio che all’afelio”.

Per notizie più correlate sui cambiamenti climatici e sul riscaldamento globale da una prospettiva indipendente, puoi visitare le pagine di ClimateScienceNews.com.