Moto elettrica KATALIS EV500 con design retrò della 2a Guerra Mondiale

Le biciclette e le motociclette elettriche tendono ad avere un’estetica futuristica nel risultato finale, motivo per cui è insolito per ...

Moto elettrica KATALIS EV500 con design retrò della 2a Guerra Mondiale.

Le biciclette e le motociclette elettriche tendono ad avere un’estetica futuristica nel risultato finale, motivo per cui è insolito per loro avere qualche elemento visivo o una struttura che rievoca un’epoca passata. Ci sono ancora delle eccezioni, come il Cafe 2020 o il Rayvolt Cruzer.

Bene, con questa stessa ondata è arrivata sul mercato la Katalis EV.500, una motocicletta elettrica il cui design allude a un aereo da caccia della seconda guerra mondiale, dotato anche di un sistema di propulsione che non genera agenti inquinanti.

Moto elettrica KATALIS EV500 con design retrò della 2a Guerra Mondiale.

Ecco come Katalis, uno studio di design e marchi con sede a Jakarta con esperienza nel settore della mobilità, ha messo in pratica le migliori capacità per progettare questa motocicletta da combattimento elettrica.

Per la sua fabbricazione, è stata effettuata l’alterazione della struttura di una moto elettrica Sells Garuda, dotandola della adrenalina di un pilota di guerra, ottenendo così un veicolo con un’estetica molto lontana dai canoni caratteristici di un’ebike tradizionale.

Moto elettrica KATALIS EV500 con design retrò della 2a Guerra Mondiale.

In questo senso, il team responsabile della produzione della Katalis EV.500 ha deciso di scartare il telaio esistente e sostituirlo interamente con una nuova struttura in alluminio serie 6061, conferendogli così un’estetica militare a cui si sono distinti aggiungendo dettagli con motivi giapponesi, completandolo con un sistema di propulsione

ecologico.

Moto elettrica KATALIS EV500 con design retrò della 2a Guerra Mondiale.

Nelle parole del designer della compagnia Katalis, Julián Palapa, riferendosi al materiale utilizzato nella fabbricazione di questa motocicletta, ha dichiarato: “Riteniamo che sia abbastanza raro avere un design di motocicletta elettrica che ha un corpo o uno scudo di metallo”.

Oltre a ciò, Palapa ha osservato: “Il guidatore di questa motocicletta elettrica sarà anche coccolato da vari pannelli con strumenti retrò ma funzionali, da un voltmetro analogico all’interruttore della luce”.

Katalis spera che il suo veicolo stimoli la creatività degli altri giovani e permetta loro di incanalare le loro capacità per creare qualcosa di unico e originale che contribuisca a migliorare la qualità della vita delle persone, ma il cui uso non rappresenta un rischio di contaminazione per l’ambiente.