Trovano e svegliano Batteri di oltre 100 milioni di anni

Uno studio scientifico ha analizzato il fondo oceanico di oltre 100 milioni di anni, estratto a oltre 5.700 metri di profondità, e ha scoperto che fino al 99,1% dei microrganismi presenti erano vivi....

Trovano e svegliano Batteri di oltre 100 milioni di anni.

Scienziati di Giappone e Stati Uniti hanno trovato microrganismi dormienti in sedimenti cretacei di 101,5 milioni di anni fa e non solo sono stati in grado di rianimarli, ma sono stati anche in grado di moltiplicarli.

Il team di ricercatori ha analizzato campioni di sedimenti prelevati nel 2010 sul fondo del Southern Gyre Gyre (fa parte del sistema terrestre di correnti oceaniche rotanti, delimitato dall’Equatore a nord, dall’Australia a ovest, dalla Corrente circumpolare antartica a sud e dal Sud America a est), una delle parti più deserte dell’oceano in termini di nutrienti. Per ottenere campioni della massima profondità possibile, hanno perforato pozzi fino a 100 metri nel fondo del mare a 5.700 metri sotto la superficie.

“La nostra domanda principale era se la vita potesse esistere in un ambiente così limitato dai nutrienti o se fosse un’area senza vita. Inoltre, volevamo sapere per quanto tempo i microbi potrebbero sopravvivere in assenza di cibo“, cita una dichiarazione di l’Università del Rhode Island (USA) all’autore principale dello studio, Yuki Morono.

Gli scienziati hanno scoperto la presenza di ossigeno, sebbene in proporzioni piuttosto basse, in tutto il materiale ottenuto, che può essere spiegato dall’accumulo molto lento di sedimenti, circa un metro per milione di anni. Tuttavia, i risultati più sorprendenti sono stati ottenuti quando i campioni sono stati sottoposti a condizioni favorevoli ai microbi.

“All’inizio ero scettico, ma abbiamo scoperto che fino al 99,1% dei microbi nei sedimenti depositati 101,5 milioni di anni fa erano ancora vivi e pronti da mangiare”, ricorda Morono.

Attualmente, il team prevede di studiare la durata notevolmente rallentata del sottosuolo del fondo marino. “Vogliamo capire come si sono evoluti questi antichi microbi, se non del tutto. Questo studio dimostra che il sottosuolo è un luogo eccellente per esplorare i limiti della vita sulla Terra”, ha spiegato il ricercatore.

“La cosa più eccitante di questo studio è che mostra che non ci sono limiti alla vita nei vecchi sedimenti dell’oceano mondiale. Nei sedimenti più vecchi che abbiamo perforato, quello con la minor quantità di cibo, ci sono ancora organismi viventi, e possono essere svegliati, farli crescere e farli moltpiplicare”.

Nel frattempo, Andreas Teske dell’Università della Carolina del Nord, che non era coinvolto nello studio, ha indicato in un commento a Science (articolo dal titolo “Scientists pull living microbes, possibly 100 million years old, from beneath the sea“) che i risultati della ricerca potrebbero essere utili per esplorare altri mondi. “Se la superficie di un particolare pianeta non sembra promettente per la vita, potrebbe aver resistito sottoterra”, ritiene lo scienziato.

Lo studio è stato pubblicato martedì sulla rivista Nature Communications, con un articolo dal titolo “Aerobic microbial life persists in oxic marine sediment as old as 101.5 million years“.