Lotus abbandonerà la benzina per concentrarsi sulle auto elettriche

L’iconico marchio britannico di auto sportive Lotus abbandona la benzina, salta la tecnologia ibrida e si impegna per un futuro ...

Lotus abbandonerà la benzina per concentrarsi sulle auto elettriche.

L’iconico marchio britannico di auto sportive Lotus abbandona la benzina, salta la tecnologia ibrida e si impegna per un futuro elettrico al 100%, come annunciato dal suo CEO Phil Popham.

Di proprietà (con quota maggioritaria) della società cinese Geely (che ha acquisito il marchio svedese Volvo nel 2010) dal 2017, Lotus è stata coinvolta nella produzione di veicoli elettrici per 14 anni, quando ha concesso la prima licenza tecnologica e ha contrattato Tesla nel 2006 per la prima generazione Roadster.

Lotus progetta l’auto elettrica più potente del mondo

Più recentemente ha prodotto la Lotus Evija, una hypercar elettrica di fascia alta che si dice abbia un costo di circa 2,7 milioni di euro: saranno 130 le unità prodotte.

In un’intervista con Autocar, Popham ha lasciato intendere che il prossimo veicolo di produzione Lotus sarà l’ultimo a essere costruito con un motore a combustione interna. Successivamente, Lotus passerà a un futuro completamente elettrico, bypassando gli ibridi, e dedicandosi esclusivamente alla progettazione di veicoli sportivi elettrici di fascia alta.

“Una cosa in cui crediamo è il futuro dei veicoli elettrici a batteria e la nostra intenzione è di offrire BEV nei nostri prodotti in futuro. “BEV” si adatta molto bene alle auto sportive: le caratteristiche di coppia, la distribuzione del peso, il design e la flessibilità della dinamica.

Per me tutto ciò porta a BEV come l’ultima tecnologia per le auto sportive”, Phil Popham.

Popham ha anche elaborato il ragionamento per saltare la tecnologia ibrida, dicendo:

“Una delle sfide di un ibrido è che hai un piccolo motore, oltre a batterie e motori elettrici, che va contro la filosofia delle auto sportive, hanno un pacchetto stretto. Se si vuole ridurre al minimo il peso, massimizzare le prestazioni e distribuire il peso nei punti giusti per ottenere la dinamica corretta. Quindi gli ibridi rappresentano una sfida troppo grande”.

Invece, essere completamente elettrico darà a Lotus il vantaggio di un design più flessibile.

“L’altra cosa con le auto sportive EV è la distribuzione del peso. Le batterie sono flessibili, non si tratta di costruire un’auto attorno a componenti di grandi dimensioni come cambi e motori, dandole una certa flessibilità”.

Secondo l’Autocar, vedremo prima uno elettrico destinato all’estremità inferiore del mercato delle auto sportive Lotus nel 2022. Tuttavia, Autocar riferisce anche che questo modello sarebbe al di sopra della normale fascia di prezzo del marchio, tra 50 mila e 94 mila euro, al fine di ottimizzare i profitti e raggiungere una migliore posizione sul mercato.