Jeanne Baret, prima donna a viaggiare per il mondo

Google ricorda nel suo doodle il 280esimo anniversario della nascita della botanica ed esploratrice Jeanne Baret, la prima donna a ...

Jeanne Baret, prima donna a viaggiare per il mondo.

Google ricorda nel suo doodle il 280esimo anniversario della nascita della botanica ed esploratrice Jeanne Baret, la prima donna a viaggiare per il mondo, nata il 27 luglio 1740, nella città di Autun, nella Francia centrale, e morì il 5 agosto 1807 in quel paese. Era una botanica ed esploratrice. Per far parte di una spedizione in marina, doveva posare come un uomo.

Grazie a un’educazione rurale, è diventata esperta nell’identificazione di piante ed è stata riconosciuta come specialista locale in medicina vegetale. All’inizio del 1760 iniziò a lavorare per il famoso botanico Philibert Commerson, come ricorda Google sul suo blog ufficiale.

Jeanne Baret, prima donna a viaggiare per il mondo.

Quando la Francia organizzò il suo primo tour mondiale nel 1765, Commerson fu invitato come botanico per il gruppo. All’epoca, la legge francese proibiva la presenza di donne sulle navi della marina, quindi per far parte della spedizione, Jeanne Baret si presentò come un uomo.

Jeanne Baret, prima donna a viaggiare per il mondo.

Insieme a Commerson, hanno raccolto e studiato più di 6.000 esemplari di piante durante il viaggio di tre anni a bordo dell’Etoile. Campioni sono stati prelevati dal Brasile, dallo Stretto di Magellano, da Tahiti, dalle isole del Madagascar e da Mauritius. Tra i contributi di Jeanne Baret c’è la prima descrizione della vite.

Infatti, oggi molti riconoscono il Baret la scoperta europea dell’ormai famosa vite bouganville. E’ per questo motivo che nel doodle, puoi vedere una vite di buganvillee in fiore, che circonda Baret a bordo dell’Étoile.

Nel 1768 i suoi compagni scoprirono che era una donna e fu costretta a sbarcare, insieme a Commerson, alle isole Mauritius. Il biologo è morto lì e Baret ha lavorato per alcuni anni in una taverna a Port Louis, per sostenersi economicamente. Qualche tempo dopo incontrò un ufficiale di marina francese, Jean Dubernat, che sposò il 17 maggio 1774 nella Cattedrale di Port Louis. Quindi sono tornati insieme in Francia, completando così il giro del mondo.

Jeanne Baret, prima donna a viaggiare per il mondo.

Al ritorno, Baret diffuse i campioni botanici che aveva raccolto con Commerson: c’erano circa 6000 specie, tra le quali 3000 erano considerate totalmente nuove.

Nonostante i suoi contributi scientifici, la storia l’ha lasciata dimenticata per secoli.

Jeanne Baret, prima donna a viaggiare per il mondo.

Jeanne Baret, prima donna che ha cambiato il mondo

Il riconoscimento del suo ruolo di prima donna che ha cambiato il mondo e le sue opere scientifiche sono state completamente dimenticate fino alla pubblicazione, nel 2010, del libro La scoperta di Jeanne Baret, dello scrittore Glynis Ridley.

Nel 2012, Baret ha ricevuto un onore botanico, quando venne scoperta una nuova pianta nel genere Solanum, che comprende patate, pomodori e melanzane: è stata chiamata con il nome della specie baretiae.

Informazioni sulla creazione del doodle

Google Doodle Jeanne Baret, anniversario della nascita.

Il design del doodle è a cura dell’artista Sophie Diao. Consultato da Google su come è andato il processo di creazione di questo disegno, l’autore ha dichiarato quanto segue:

“Ho iniziato raccogliendo riferimenti che potrebbero essere d’ispirazione: mappe nautiche del 1760, campioni botanici, illustrazioni precedentemente realizzate da Jeanne Baret. Voleva che il doodle combinasse il suo lato botanico con il suo lato avventuroso. Essere la prima donna a circumnavigare il mondo non è cosa da poco!”.

Per quanto riguarda ciò che si aspetta che gli utenti pensino guardando questo disegno, ha detto che si vorrebbe che vedessero che “la storia è piena di storie uniche di avventurieri come Jeanne Baret, e talvolta la verità è più strana della finzione”.