Scienza: come fa il Cervello a sapere dove siamo e dove stiamo andando?

Se stai camminando durante la lettura, fermati, non è una buona idea camminare e leggere. Ma se sappiamo dove stiamo andando o dove sedersi, dobbiamo ringraziare il nostro cervello. [...] ..

Scienza: come fa il Cervello a sapere dove siamo e dove stiamo andando?

Se stai camminando durante la lettura, fermati, non è una buona idea camminare e leggere. Ma se sappiamo dove stiamo andando o dove sedersi, dobbiamo ringraziare il nostro cervello. Anche le persone che si definiscono le più disorientate, o che non sanno leggere le mappe, hanno nel cervello un sistema di orientamento spaziale molto sofisticato.

I neuroni che si trovano nel lobo temporale del nostro cervello e di altri mammiferi, svolgono la funzione di identificare dove siamo, mentre altre regioni, come l’ippocampo, servono come sistema di navigazione nello spazio. Insieme, questi neuroni entrano in azione quando ci muoviamo da qualche parte: o per riconoscere i limiti, come i muri, o altre persone che ci sono vicine.

Per identificare quali neuroni sono coinvolti in determinate attività, i neuroscienziati utilizzano elettrodi esterni che misurano l’attività cerebrale. Tuttavia, è difficile farlo con persone in movimento e per misurazioni migliori è meglio se gli elettrodi sono collegati direttamente al cervello. Sì, come sembra.

Questo è il motivo per cui fino a tempi recenti le correlazioni venivano effettuate solo su ciò che veniva osservato nel cervello di animali da esperimento. Era noto da questi studi che quando i topi si avvicinavano ai bordi o ai limiti nello spazio, c’era un cambiamento nell’attività elettrica nel loro cervello: i neuroni oscillano a frequenze diverse, indicando quel limite.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

L’impianto di elettrodi nelle persone a scopo sperimentale non è una pratica molto etica da dire, ma ci sono procedure mediche in cui è necessario farlo. Esistono elettrodi permanenti che vengono impiantati come trattamento per i pazienti che hanno un tipo di epilessia che non risponde ai farmaci.

Sistema di orientamento spaziale del cervello

Con un gruppo di volontari che utilizzavano questo trattamento, i neuroscienziati dell’Università della California, Los Angeles, UCLA, sono stati in grado di effettuare osservazioni dirette dell’attività cerebrale durante la navigazione spaziale. Con le misurazioni raccolte, sono stati in grado di concludere che l’attività elettrica del cervello aumenta quando ci avviciniamo a un limite, come un muro.

Inoltre, questo comportamento del nostro cervello è lo stesso quando non ci muoviamo, ma vediamo un’altra persona avvicinarsi a un muro. Questo potrebbe spiegare perché quando osserviamo l’immagine di qualcuno molto vicino a un burrone, abbiamo paura di cadere.

Quindi la prossima volta che devi uscire, oltre a indossare una maschera, dovresti essere grato che questo sistema di orientamento spaziale del tuo cervello non solo ti aiuterà a stare lontano dai muri, ma anche dalle altre persone.