Homo Nesher Ramla, scoperta nuova specie umana in Israele

Per anni si è sostenuto che i Neanderthal siano originari dell’Europa, anche se recenti studi hanno suggerito che questa specie potrebbe aver portato geni per un gruppo non europeo, [...] ..

Homo Nesher Ramla, scoperta nuova specie umana in Israele

Per anni si è sostenuto che i Neanderthal siano originari dell’Europa, anche se recenti studi hanno suggerito che questa specie potrebbe aver portato geni per un gruppo non europeo, ancora sconosciuto alla scienza. Un team internazionale di scienziati ora sostiene che potrebbero aver trovato una specie umana che hanno battezzato come “Homo Nesher Ramla“, dopo il sito di Nesher Ramla, in Israele, dove hanno trovato i suoi resti.

I ricercatori alludono così alle scoperte presentate in due studi per la rivista Science. I fossili in questione, con caratteristiche di Neanderthal – volta cranica e mandibola -, datano tra 140.000 e 120.000 anni e mostrano l’esistenza di un gruppo di ominidi finora non riconosciuto, che sarebbe rappresentativo delle ultime popolazioni sopravvissute dell'”Homo” dal Pleistocene medio in Europa, Asia sudoccidentale e Africa.

L’analisi dei dati sui loro strumenti di pietra, sulla fauna, sull’ambiente e sui possibili comportamenti associati rispetto ai fossili trovati nel sito israeliano, ha mostrato che gli “Homo Nesher Ramla” erano cacciatori efficienti e usavano il legno per accendere fuochi, che sapevano come mantenere e utilizzare anche per cucinare o arrostire carni. In altre parole, questi ominidi “hanno completamente padroneggiato la tecnologia che fino a poco tempo fa era correlata all'”Homo sapiens” o ai Neanderthal”, hanno affermato gli scienziati, che ritengono che le loro scoperte indichino interazioni culturali tra i diversi lignaggi ancestrali durante il Paleolitico medio.

Allo stesso modo, sostengono che la mescolanza tra l'”Homo” del Pleistocene medio e l'”Homo sapiens” fosse già avvenuta a quel tempo, a giudicare dai dati archeologici.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
L’analisi del cranio, della mascella e del secondo molare inferiore ha rivelato che “Homo Nesher Ramla” mostrava “una combinazione distintiva di tratti neandertaliani e arcaici”.

Secondo gli scienziati, questi ominidi furono gli ultimi sopravvissuti della stessa popolazione ancestrale del Pleistocene medio levantino che, con ogni probabilità, fu coinvolta nell’evoluzione dell’Homo in Europa e nell’Asia orientale nello stesso periodo.

“È probabile che il Levante mediterraneo, un corridoio tra Africa ed Eurasia, dopotutto, fosse il luogo in cui avvenivano questi scambi genetici”, ha affermato Juan Luis Arsuaga, uno degli autori dello studio e professore di Paleontologia presso l’Università Complutense di Madrid, che ha ricordato che “non c’era solo un flusso genico dai Neanderthal agli umani moderni, ma in precedenza ci sarebbe stato un flusso genetico dagli umani moderni ai Neanderthal”.

I fossili di Nesher Ramla mostrano la continua alternanza negli ultimi 200.000 anni di fossili di Neanderthal e umani moderni (“Homo sapiens”) nei depositi del Levante mediterraneo”, ha affermato il ricercatore spagnolo.