Enorme crepa sta dividendo Africa in 2 e formerà un Nuovo Oceano

I processi geologici sono uno dei fenomeni naturali più sorprendenti sulla terra. Sebbene un’intera vita non sia sufficiente per osservare il significativo spostamento delle placche, è grazie a loro [...] ..

Enorme crepa sta dividendo Africa in 2 e formerà un Nuovo Oceano.

I processi geologici sono uno dei fenomeni naturali più sorprendenti sulla terra. Sebbene un’intera vita non sia sufficiente per osservare il significativo spostamento delle placche, è grazie a loro che abbiamo continenti, oceani, laghi e montagne. La Terra sperimenta un movimento costante anche se a volte non lo percepiamo, ci sono trasformazioni più visibili. Questo è il caso di un’enorme spaccatura che sta dividendo l’Africa in due, dicono gli esperti, si tratta della formazione di un nuovo bacino oceanico.

È impressionante come, grazie al sottile movimento di queste enormi placche che ci sostengono, l’emergere di formazioni così importanti per la nostra sopravvivenza. Anche se non lo notiamo, la Terra è in continua trasformazione. Così, tra poche migliaia di anni, i paesaggi che i nostri occhi sono abituati a vedere esisteranno in modi diversi.

In definitiva, il movimento più significativo di questa natura oggi è quello della micropiastra Victoria che appartiene all’African Plate. Un team del German Geoscience Research Center GFZ ha rivelato che Victoria sta ruotando nella direzione opposta alla placca continentale, il che causerà la separazione definitiva dal continente della frattura che forma la Great Rift Valley.

Un’enorme isola emergente

La Great Rift Valley è una frattura geologica che si estende per circa quattro chilometri attraverso il continente africano. Parte dalla parte nord-orientale dell’Africa, nella depressione dell’Afar, e corre a sud attraverso Etiopia, Kenya, Uganda, Ruanda, Burundi, Zambia, Tanzania, Malawi e Mozambico.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Una ricerca pubblicata su Nature Communications ha rivelato che il Rift sta causando la divisione in due della placca africana. Con questo si stanno formando due nuovi placche: Nubia e Somalo. Gli esperti spiegano che l’interazione di queste due placche con Victoria (una delle più grandi micropiastre continentali sulla Terra) sta provocando un’enorme spaccatura in Africa, a sud-ovest del Kenya.

Analizzando i modelli numerici 3D, i ricercatori si sono resi conto che, in netto contrasto con le placche vicine, Victoria ruota nella direzione opposta rispetto ad esse. Cosa provocherebbe una crepa ben visibile in Kenya che preoccupa i suoi abitanti.

Tuttavia, gli esperti hanno riferito che questo processo è iniziato circa 25 milioni di anni fa. Il tasso di crescita della rottura non è preoccupante al momento, continuerà a crescere di 7 millimetri all’anno. Il che significa che l’Africa sarà tagliata in due nei prossimi 10 milioni di anni. Il movimento di Victoria formerà un nuovo bacino oceanico, che alla fine creerà una grande isola con i resti di Etiopia, Kenya e Somalia.